Cerca

Vatican News

Liberata la volontaria italiana Silvia Romano, rapita in Kenya nel 2018

L’annuncio del premier Giuseppe Conte su Twitter: “Silvia, ti aspettiamo in Italia”. La giovane era stata sequestrata un anno e mezzo fa in un villaggio ad un’ottantina di km da Malindi. Secondo le indagini della Procura di Roma e del Ros, era tenuta prigioniera da un gruppo vicino agli estremisti somali Shabaab

Silvia Romano è stata liberata. A dare l’annuncio il premier italiano Giuseppe Conte, sul suo profilo Twitter. La giovane era stata rapita in Kenya un anno e mezzo fa, il 20 novembre del 2018. “Silvia, ti aspettiamo in Italia”, scrive il presidente del Consiglio, ringraziando “le donne e gli uomini” dei servizi di intelligence.

La liberazione

La venticinquenne di Milano, al momento del sequestro in un villaggio ad un’ottantina di km da Malindi, collaborava con la onlus “Africa Milele”, che sostiene progetti legati all'infanzia. Fonti di stampa riferiscono che Silvia è stata liberata a 30 km da Mogadiscio, in una zona in condizioni estreme a causa delle alluvioni dei giorni scorsi.  Secondo quanto già ricostruito nei mesi scorsi dalla Procura di Roma e dai carabinieri del Ros, era tenuta prigioniera da uomini vicini agli estremisti islamici somali Shabaab. Tre degli autori materiali del sequestro erano stati nel tempo arrestati e si trovano attualmente sotto processo nel Paese africano. 

(Ultimo aggiornamento: sabato 9 maggio, ore 18:23)

09 maggio 2020, 17:54