Cerca

Vatican News
2020.04.27 attore Giovanni Scifoni 2020.04.27 attore Giovanni Scifoni 

Scifoni: cosa possiamo creare di bello in questo tempo così come è?

L’artista sa tirare fuori la creatività anche nei momenti di crisi. Ne parla nell’intervista l’attore Giovanni Scifoni, a partire dalle parole del Papa, stamani alla Messa a Casa Santa Marta

Debora Donnini – Città del Vaticano

Molto colpito da quanto detto del Papa, stamani alla Messa a Casa Santa Marta, si dice l’attore di teatro e cinema, Giovanni Scifoni. Oggi, infatti, Papa Francesco ha dedicato l’intenzione di preghiera agli artisti che proprio per mezzo della bellezza, possono indicare la strada da seguire. Centrale anche la creatività in questo momento di pandemia, come sottolinea anche Scifoni, che è stato anche autore e conduttore del programma “Beati voi” su Tv 2000. Molto attivo sui social, realizza anche alcuni video comici su Facebook assieme alla moglie Elisabetta e ai loro tre figli.

Ascolta l'intervista a Giovanni Scifoni:

Nell’intervista, Giovanni sottolinea come il punto sia “la ricerca del senso” e come gli artisti possano riportarci “questa bellezza, questo senso di palpitazione del cuore” perché l’artista riesce a dare senso alle cose.  “L'artista – potrebbe essere in ogni uomo l'essere artista – sa tirare fuori la creatività anche nei momenti di crisi, anzi soprattutto nei momenti di crisi. Io ho cercato in qualche modo di raccontare sui Social questo tempo così drammatico e per me è stato fonte di grande motivazione”. “Una cosa importante – sottolinea – potrebbe essere utilizzare il tempo che hai a disposizione per creare qualcosa di bello. Che creatività possiamo tirare fuori? Oggi, ora, cosa ne facciamo di questo mondo, così com'è, con la pandemia?”.  “In questo periodo, ho visto tanti artisti che sono riusciti a raccontare in modo creativo questo mondo, questa situazione. Se questa creatività propria degli artisti fosse contaminata anche nel mondo della politica, nel mondo di chi deve prendere delle soluzioni - suggerisce -  non sarebbe male: servono soluzioni molto creative”.

 

I problemi del mondo artistico

Anche riuscire a far sorridere è importante. “Ridiamo per identificazione, perché ci sentiamo, raccontati, ci sentiamo simili, e allora la somiglianza, fa fratellanza che genera affetto e risata. Il comico ha anche una funzione moralistica: quella di correggere i costumi, ridendo”, racconta Scifoni che, d’altra parte, rimarca anche le grandi difficoltà che vive in questo momento il settore artistico, perché nella maggior parte dei casi, gli artisti hanno bisogno di pubblico. Quindi gli artisti stanno anche “vivendo un momento di depressione”, perché manca la possibilità di iscrivere il proprio lavoro in una progettualità.

27 aprile 2020, 13:15