Cerca

Vatican News
Abu Dhabi: incontro con i media Abu Dhabi: incontro con i media 

Documento sulla Fratellanza umana fonte di ispirazione per l'umanità

Ad Abu Dhabi i membri del Comitato Superiore per l'attuazione del Documento sulla Fratellanza Umana hanno incontrato ieri la stampa ed il principe ereditario del Paese arabo

Suor Bernadette Mary Reis - Abu Dhabi

Un anno dopo la firma del Documento sulla Fratellanza Umana da parte di Papa Francesco e del Grande Imam di Al-Azhar, i membri del Comitato Superiore per la sua attuazione, si sono riuniti ad Abu Dhabi. Ieri hanno incontrato la stampa.

Papa Francesco dà l'esempio

Ha aperto l’incontro con i giornalisti il giudice Mohamed Abdel Salam, ex consigliere del Grande Imam di Al-Azhar e segretario del Comitato Superiore. Ha sottolineato che il Documento sulla Fratellanza umana è una "fonte di ispirazione per l'umanità in tutto il mondo". “Il Comitato Superiore stesso - ha osservato - è indipendente, anche se la sua formazione è sostenuta da Papa Francesco, dal Grande Imam e dallo Sceicco di Abu Dhabi Mohamed Bin Zayed. “La realizzazione della fratellanza umana ha bisogno del sostegno dei leader religiosi, così come dei media”, ha sottolineato. Ha citato quindi un recente evento che ha coinvolto Papa Francesco come esempio concreto di come il Documento possa essere attuato: quando il Papa ha reso noto il suo desiderio di accogliere diverse famiglie di rifugiati, non facendo alcuna distinzione sul loro credo religioso.

La Fratellanza umana è la volontà di Dio

Mons. Yoannis Gaid, ha detto che i giovani hanno un ruolo importante nel raggiungimento degli obiettivi del Documento sulla Fratellanza Umana, che “è radicato nella volontà di Dio, perché tutti i credenti trovano la loro origine in Dio. È Dio che riunisce tutta l'umanità in un'unica famiglia. Pertanto, i membri di tutte le religioni sono fratelli e sorelle. Sono soprattutto i giovani – ha sottolineato - che possono essere pienamente impegnati a trasformare gli ideali contenuti nel Documento.

Il mondo è un piccolo villaggio

Il Prof. Mohamed Hussein El-Mahrassawy, Presidente dell'Università Al-Azhar, ha ricordato come i firmatari del Documento provengano dall'Europa e dall'Africa, e che è stato firmato in Asia. "Il mondo è ormai un piccolo villaggio", ha detto. Il Documento sulla Fratellanza umana è tempestivo perché fornisce una sintesi di come il mondo può vivere insieme in una convivenza pacifica. L'Università di Al-Azhar ha già iniziato ad insegnare il Documento sulla Fratellanza umana e intraprenderà altre iniziative per promuovere i valori in esso contenuti.

Documento etico fondamentale

Irina Bokova, ex direttore generale dell'Unesco, e l'ultima persona ad entrare a far parte del Comitato Superiore, era presente alla firma del Documento un anno fa. Ha osservato che "è importante vedere il Documento come un documento etico fondamentale del nostro tempo". I giovani possono trovare risposte in questo scritto, ha sottolineato, ed è in armonia con il quarto punto degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell'Onu che riguarda l'educazione.

Passare dall’ "io" al "noi"

Infine Bruce Lustig, rabbino emerito della Congregazione ebraica di Washington, ha detto che il Documento contiene le cose più difficili di cui il mondo ha bisogno. Quel Documento, ha sottolineato, è in armonia con tutte le religioni del mondo. "Siamo una sola famiglia, viviamo in una sola casa - ha detto - Pertanto, ogni persona deve ad ogni altro il rispetto e la dignità, rendendoci responsabili l'uno per l'altro. Il Documento ci chiama tutti "a passare dall’io' al noi”. Con 70 milioni di rifugiati nel mondo, è bene ricordare che ora siamo "indissolubilmente legati l'uno all'altro". Il Documento ci chiede di affrontare la realtà della migrazione – ha concluso il rabbino Lustig - sia in termini di diversa comprensione della cittadinanza, sia in termini di educazione degli sfollati.

Visita al principe ereditario di Abu Dhabi

Ieri pomeriggio il Comitato Superiore ha fatto visita a Sua Altezza, lo sceicco Mohammed bin Zayed Al Nahyan, e lo ha informato sulle iniziative che stanno per essere avviate. Lo sceicco ha incoraggiato il Comitato e ha assicurato loro il suo sostegno affinché il Documento possa diventare una realtà concreta. Ha anche detto ai membri del Comitato che non possono immaginare l'importanza di ciò che stanno facendo per le generazioni future. Uno dei membri del Comitato ha detto che lo sceicco è stato molto cordiale durante l’incontro e ha accompagnato il gruppo anche al momento della partenza. “Un gesto – ha sottolineato - riservato solo a personaggi molto importanti e a gruppi che hanno il completo sostegno dello sceicco”.

04 febbraio 2020, 08:07