Cerca

Vatican News
Il Procuratore Nicola Gratteri Il Procuratore Nicola Gratteri 

Calabria, manifestazione per Gratteri. Il prete anti 'ndrangheta: "Cresce l'impegno della Chiesa"

A Catanzaro cittadini, giovani e studenti, oltre ai rappresentanti di associazioni ed esponenti della politica sono scesi in piazza. Intervista a don Giacomo Panizza

Alessandro Guarasci - Città del Vaticano

Migliaia di persone hanno manifestato questa mattina a Catanzaro a sostegno del Procuratore Nicola Gratteri, del pool di magistrati e delle forze dell'ordine che lottano contro l’ndrangheta. Per don Giacomo Panizza della Comunità Progetto Sud, sacerdote da anni impegnato contro la criminalità organizzata, in Calabria, “c’è bisogno che si dica che i mafiosi non ce li vogliamo, e non vogliamo nemmeno i corrotti dentro le istituzioni".

Ascolta l'intervista a don Giacomo Panizza

Don Panizza: la 'ndrangheta non dà lavoro

“La Chiesa ha fatto tanti documenti importanti e sta aumentando le sue attività contro la ‘ndrangheta, e lo fanno tanti cittadini, tanti credenti – afferma don Giacomo Panizza - Essere cristiani è stare con i piedi per terra in questa nostra Calabria ed è da fare di più che in passato. Oramai sappiamo la ‘ndrangheta non salva questa regione, non dà lavoro. E allora tutti quanti noi dobbiamo organizzarci con iniziative di lungo respiro”.

Comitato spontaneo per Gratteri

La Calabria onesta dunque dice no all’infiltrazione delle ‘ndrine nella società. E così è nato un "Comitato spontaneo di prossimità" dopo le critiche rivolte al magistrato in ambienti politici e giudiziari per l'operazione "Rinascita Scott" che nelle settimane scorse ha portato all'arresto di oltre trecento persone. A Catanzaro così cittadini, giovani e studenti, oltre ai rappresentanti di associazioni ed esponenti della politica sono scesi in piazza.

Il magistrato: solo con una squadra di persone si può sconfiggere la criminalità 

"La vostra presenza indica sete di giustizia sentita e non gridata o sbandierata, solidarietà testimoniata anche con la presenza fisica", ha affermato Gratteri in un messaggio ai manifestanti. "Io l'accolgo - aggiunge Gratteri - e ringrazio perché so che questa presenza è rivolta non tanto a chi è più visibile nei mass media quanto alla nostra squadra che lavora, con competenza e sacrificio, in silenzio e lontano da fotocamere o cineprese, in modo quasi per nulla appariscente e solo con l'intento di fare il proprio dovere. Io, senza questa squadra, potrei fare ben poco. Ringrazio tutti, a nome della squadra, per la solidarietà testimoniata con la vostra presenza".

18 gennaio 2020, 15:13