Cerca

Vatican News

Cile: avvistati i resti dei corpi delle vittime dell’aereo militare scomparso

I resti delle vittime dell'aereo C-130 diretto in Antartide scomparso dai radar, avvistati da una nave impegnata nelle ricerche per le quali sono state mobilitate una ventina fra aerei e unità navali e 800 militari di Aeronautica e Marina cileni, ma anche stranieri. In un telegramma la vicinanza del Papa

L'aeronautica militare cilena ha reso noto di aver avvistato in mare alcuni resti dei corpi di alcune delle vittime dell'aereo militare C-130 Hercules scomparso dai radar con a bordo 38 persone, 35 militari e tre civili, decollato da Punta Arenas e diretto in Antartide. Ad avvistare i resti dei corpi e dell'aereo, è stata una nave, impegnata nelle massicce ricerche aeree e navali messe in campo dopo la scomparsa del velivolo. A darne l'annuncio è stato il comandante dell'Aeronautica Eduardo Mosqueira, secondo il quale i resti avvistati potrebbero essere parte dei serbatoi di carburante del C-130 scomparso e di almeno 5 delle 38 vittime. Nelle operazioni di ricerca sono impegnati otto Paesi, con una mobilitazione di una ventina fra aerei e unità navali e 800 militari di Aeronautica e Marina cileni, ma anche stranier

Partito verso la base antartica cilena 'Presidente Eduardo Frei Montalva' in condizioni meteorologiche favorevoli, l'aereo aveva fatto perdere le sue tracce nella prima parte del suo viaggio che avrebbe dovuto durare da quattro a cinque ore.

La vicinanza del Papa

Ieri Papa Francesco, tramite il cardinale segretario di Stato Pietro Parolin, ha inviato all'ordinario militare del Cile, mons. Santiago Jaime Silva Retamales, un telegramma per la scomparsa dell'aereo. Il Papa, si legge nel messaggio, "segue le notizie che arrivano da quell'amato Paese sulla perdita di contatto con l'aeromobile delle Forze aeree che si dirigeva verso l'Antartide". Francesco "assicura la sua vicinanza spirituale al popolo cileno e a tutte le famiglie", e "prega il Signore di garantire la speranza in questo momento di incertezza e sostenere i lavori di ricerca e quanti vi collaborano".
 

12 dicembre 2019, 07:57