Cerca

Vatican News
Migranti: braccianti 'occupano' simbolicamente basilica S.Nicola Bari Migranti: braccianti 'occupano' simbolicamente basilica S.Nicola Bari   (ANSA)

Migranti nel foggiano. Mons. Cacucci: restituire dignità all'accoglienza

Intervista al vescovo di Bari, mons. Francesco Cacucci, all’indomani dell’incontro avuto con circa 60 braccianti migranti della provincia di Foggia, che ieri avevano organizzato un sit-in pacifico nella basilica di San Nicola di Bari. L’arcivescovo ne parlerà con i presuli pugliesi

Elvira Ragosta - Città del Vaticano

"Siamo noi a raccogliere i prodotti di questa terra, non chiediamo carità ma diritti per tutti e tutte a prescindere dalla nazionalità e dal colore della pelle". Così ieri una sessantina di migranti, tutti braccianti impiegati nei campi del foggiano, che hanno simbolicamente e pacificamente occupato la Basilica di San Nicola a Bari per chiedere l'attenzione del governo nazionale e della Regione sui temi dello sfruttamento e dell'emergenza abitativa. La protesta è durata un paio d'ore e si è conclusa dopo che i migranti hanno incontrato l'arcivescovo di Bari-Bitonto, mons. Francesco Cacucci, che li ha ascoltati, ha parlato con loro e si è impegnato a sentire i vescovi di Puglia e il Governatore Emiliano per riflettere sulle istanze portate dai migranti. “La dignità umana – dichiara mons. Cacucci in una nota dell’arcidiocesi - va difesa senza se e senza ma. Va superato il concetto di accoglienza incentrato sul mero assistenzialismo. Bisogna restituire dignità all’accoglienza. Solo così si potrà superare l’idea di invasione. La denuncia da sola non è sufficiente, servono proposte concrete”

La riflessione con i vescovi e la Regione Puglia

Riguardo alla riflessione con i vescovi e il presidente della Regione, mons. Carucci, raggiunto telefonicamente da Radio vaticana Italia afferma: “E’ importante che questa riflessione, che noi vescovi di Puglia abbiamo già avviato, si possa ulteriormente approfondire ed è importante soprattutto che i vescovi della Daunia, che vivono la situazione di Borgo Mezzanone e di questi migranti che si trovano soprattutto nella provincia di Foggia, possano dire i loro pareri in modo più competente e circostanziato. Altrettanto si tratta del Governatore Emiliano, che ha con loro già un riferimento preciso e un dialogo”.

Dalla denuncia alla proposte concrete

Parlando dell’incontro avuto ieri con i migranti, mons. Cacucci aggiunge: “Ho sottolineato loro che è importante non solo la denuncia ma anche la proposta concreta perché è importante che loro conoscano ciò che già in Puglia di realizza attraverso la Caritas regionale e quelle diocesane in accoglienza di quello che è il progetto presidio della Conferenza episcopale italiana”.

Ascolta l'intervista a mons. Cacucci

 


 

17 luglio 2019, 14:49