Cerca

Vatican News
 Guillemette e Camille, le dita “su” Gerusalemme, al loro arrivo nella città santa la Storia Guillemette e Camille, le dita “su” Gerusalemme, al loro arrivo nella città santa la Storia   La storia

5.000 km a piedi, grazie a Dio

Hanno camminato più di 7 mesi, da Parigi a Gerusalemme, senza un soldo in tasca. Un pellegrinaggio alla ricerca di Dio, fatto di incontri, della scoperta degli altri e di sé

Jean Charles Putzolu - Gerusalemme

L’avventura comincia a Parigi. Camille Desveaux, fin dai suoi 14 anni, ha questo progetto in testa: è un sogno chiuso nel cassetto di cui non ha mai parlato con nessuno. Tre anni fa, si decide ed espone il suo progetto ai genitori. Non ci vuole molto a convincerli, ma manca ancora molto tempo alla partenza. In quello stesso periodo, all’università conosce Guilemette de Nortbecourt. Tra le due ragazze c'è una bella intesa, nasce un’amicizia. Camille non le dice niente del suo progetto, fino a quando, terminati gli studi, decidono di prendere in affitto un appartamento insieme. Quando Camille racconta a Guillemette del suo progetto e che sta per partire, capisce di cercare la stessa cosa: “In quello stesso periodo, anche io ero alla ricerca dell’assoluto: avevo sete di Dio. Camille è stata provvidenziale”. L’idea di questo pellegrinaggio a piedi era tornata a galla grazie a un prete, Don Louis Hervé Guiny: per Camille non è in dubbio la sua ricerca spirituale ma il progetto non era stato pensato per due persone. Si prendono una settimana di tempo per riflettere. La decisione è presa, partono.

Messa a Notre Dame de Paris il 10 settembre 2018, il giorno della loro partenza
Messa a Notre Dame de Paris il 10 settembre 2018, il giorno della loro partenza

Notre Dame de Paris

Lunedì 10 settembre 2018, 8.00 del mattino. Chiedono al loro amico prete, che ha accompagnato spiritualmente l’iniziativa, di celebrare una Messa per la loro partenza. Ci sono le famiglie, le tre sorelle di Camille e quattro dei dieci fratelli di Guillemette. Alla fine della Messa, sotto lo sguardo commosso e un po’ preoccupato dei familiari, si parte.
Passano i primi 4 giorni non lontano da Parigi. Sono tappe programmate, a casa di amici e conoscenti. Non hanno ancora realizzato quello che riserverà loro quest’avventura. La mattina del quinto giorno si tuffano nell’ignoto. Non sanno dove dormiranno la sera e soprattutto non hanno neanche mezzo euro in tasca. “E’ stata una scelta ragionata”, dice Guillemette, “volevamo spogliarci di tutto e rimetterci unicamente alla volontà di Dio, perché è Lui che ha fatto questo cammino”. Arrivate in un piccolo villaggio nella regione del Loiret, vedono un castello: “Dev’essere pieno di stanze libere”, pensano e si presentano all’entrata.

Camille insieme a Veronica, la prima “sconosciuta” che apre loro la porta della sua casa
Camille insieme a Veronica, la prima “sconosciuta” che apre loro la porta della sua casa

L’umiliazione del mendicare

Sono solo al quinto giorno, è la prima volta che si trovano a chiedere ospitalità a qualcuno che non conoscono. Vengono respinte; educatamente, ma respinte. Si rendono conto quanto può essere umiliante mendicare. Ma sono determinate e non pensano un secondo a rinunciare. Bussano a un'altra porta dove incontrano un cuore aperto: “Abbiamo imparato molto da questi incontri. Siamo rimaste sorprese dalla straordinaria bontà di queste persone. A volte si nasconde in fondo al cuore e deve solo trovare una strada per uscire”, racconta Camille. E’ Veronica che apre loro la sua casa. Anzi, lascia la casa alle due ragazze, visto che aveva già programmato di andare a vedere uno spettacolo. Camille e Guillemette si sistemano per la notte; la mattina dopo, durante la colazione, si prendono un po’ di tempo per conoscere meglio la signora. E’ il primo di una lunga serie di legami… Una sera, dopo aver attraversato la Svizzera, le Alpi italiane, la Slovenia e la Croazia arrivano in Bosnia Erzegovina, dove vengono accolte da Pierre, un serbo di 80 anni e una vita di lavoro alle spalle. Non conosce nessuna lingua straniera. Sua figlia Slavica conosce qualche parola di inglese e basta per capirsi e perché Pierre accetti di ospitare le due ragazze. “Ci ha offerto un letto singolo”, spiega Camille. Poi continua: “L’indomani al risveglio ci siamo accorte che aveva dormito sul divano e ci aveva lasciato il suo letto. Non so se io sarei stata capace di fare la stessa cosa”.

Primi passi sotto la neve in Bosnia Erzegovina
Primi passi sotto la neve in Bosnia Erzegovina

L’inverno balcanico

Il papà di Guillemette, militare, aveva messo in guardia le ragazze dalla rigidità dell’inverno nei Balcani. Eccezionalmente, nel periodo del loro pellegrinaggio tra novembre 2018 e febbraio 2019, le temperature furono piuttosto clementi: mai sotto i -12° e insieme a questo, un susseguirsi di paesaggi straordinari. “In Bulgaria, per esempio, abbiamo passato una giornata con i piedi nella neve e la testa sotto il sole. Il paesaggio davanti a noi non poteva che spingerci alla contemplazione e a rendere grazie a Dio”, dice Guillemette.

Insieme alla moglie di Rustem, il “muhtar” (capo del villaggio) di Kocahidir, in Turchia: ci presta i suoi pigiami per la notte
Insieme alla moglie di Rustem, il “muhtar” (capo del villaggio) di Kocahidir, in Turchia: ci presta i suoi pigiami per la notte

La Turchia

Le differenze culturali possono creare qualche problema a due ragazze sole, accompagnate unicamente dal loro zaino di 10 chili e da un buon paio di scarpe. Non subiscono aggressioni, non hanno mai avuto paura per la loro sicurezza ma subiscono lo sguardo degli uomini. Due ragazze sole possono essere fraintese: “Ci hanno preso per prostitute”, racconta Guillemette. “Abbiamo dovuto cambiare il nostro approccio e non sorridere più a tutte le persone che incontravamo”. E’ uno dei momenti più bui della loro epopea, anche se poi in Turchia hanno trovato una straordinaria generosità.

A Samaila, in Serbia, dove il “pope” le ha accolte la vigilia di Natale..
A Samaila, in Serbia, dove il “pope” le ha accolte la vigilia di Natale..

Le chiese, luogo di accoglienza

Ne hanno trovata più di una chiusa. Ma è poca cosa di fronte all’accoglienza che hanno riservato loro le chiese cattoliche in Francia e in Italia, quelle cattoliche e protestanti in Svizzera e quelle ortodosse più avanti nel loro percorso. “Ogni volta, nelle parrocchie, abbiamo veramente vissuto la cultura dell’accoglienza”. Dalla Serbia alla Grecia, poiché la barriera della lingua diventava invalicabile, e non potendole ospitare personalmente, alcuni popi ortodossi scrissero per loro delle lettere di presentazione per spiegare il loro progetto: queste lettere sono state un vero lasciapassare.
Anche nei villaggi musulmani hanno trovato accoglienza. E’ quasi sempre alla porta del capo del villaggio che bussano per prima, che in seguito ospitano le ragazze o che si occupano di trovare vitto e alloggio per loro a casa di qualche altro membro della comunità: nelle loro 248 notti di pellegrinaggio non restano mai senza un tetto.

Pausa tè a Sülekler, in Turchia, insieme a una famiglia riunita per tagliare la legna per la stagione successiva.
Pausa tè a Sülekler, in Turchia, insieme a una famiglia riunita per tagliare la legna per la stagione successiva.

L’umanità, in tutti i villaggi

E’ il filo rosso della loro avventura. Camille e Guillemette hanno un solo smartphone, giusto per inviare qualche messaggio ai loro genitori, per rassicurarli. Via via che gli incontri proseguono, la lista dei contatti sul loro telefono si allunga e i legami intessuti con le persone incontrate si trasformano in sostegno quotidiano: “Un bombardamento di messaggi”, dice Guillemette. “Queste persone ci avevano accolte e dovevamo rispondere. L’abbiamo fatto anche se a volte questo ci richiedeva un po’ di tempo. E quando eravamo giù di morale sentivamo che i messaggi di queste persone ci davano coraggio”. Ogni sera raccontano il loro progetto a chi le accoglie. “Tutte le mattine partivamo con un’ora di ritardo rispetto al programma: una nuova amicizia ci tratteneva e continuavamo a parlare. Abbiamo incontrato persone straordinarie”, dice Camille, con gli occhi ancora pieni di ricordi indimenticabili. Hanno centinaia di foto di questi incontri e sarebbero capaci di raccontarveli tutti, non ne hanno dimenticato nessuno.

Lunghe giornate di cammino attraversando campi e strade
Lunghe giornate di cammino attraversando campi e strade

La scoperta di sé

Partire con un’amica e passare insieme 24 ore su 24 per 7 mesi significa correre il rischio di arrivare a un punto di rottura. Da quando sono partite, il 10 settembre, hanno avuto l’occasione di conoscersi meglio: scoprire se stesse e l’altra. “Mi sono resa conto che ero orgogliosa”, ammette Guillemette. Questo ha provocato tensioni a volte tra loro: “Abbiamo litigato, ma ogni volta per cose futili”. Camille ricorda una tra le discussioni più grandi e allo stesso tempo ridicole – erano in Italia: “Dovevamo decidere se guadare un fiume o attraversarlo passando per un ponte. Il fiume non era profondo ma è vero che non si vedeva il fondo. E c’era un italiano che ci consigliava di passare sul ponte”. Solo che il ponte si trovava due km più in là e Camille non voleva fare deviazioni; mentre Guillemette insisteva per attraversarlo, perché le sembrava molto più saggio e prudente. Raccontando questo aneddoto ridono ancora, si rendono conto col senno di poi che la loro discussione era del tutto priva di significato. Si sono trovate a discutere parecchie volte, quasi sempre per la fatica e il morale basso… Hanno superato queste prove e oggi sono inseparabili.

Montagne in Turchia
Montagne in Turchia

Vicine alla Terra Santa

Lasciando la Serbia e prima di entrare in Turchia passano attraverso la Bulgaria. Sanno, da quando hanno lasciato Parigi, che la Siria in guerra è impenetrabile. Hanno dovuto interrompere il loro cammino per prendere un aereo. Sono partite da Adalia per raggiungere la repubblica di Cipro del nord, la parte dell’isola non riconosciuta dalla comunità internazionale e controllata dai turchi. Si rimettono in marcia per attraversare l’isola e riprendono il loro rito: bussare alle porte e chiedere ospitalità. Da Larnaka, riprendono l’aereo direttamente per Tel Aviv. Atterrano a 40 km da Gerusalemme: l’obiettivo che da sette mesi brilla nel più profondo di loro stesse questa volta è a portata di mano. E’ stato consigliato loro di arrivare nella città santa dal Monte degli Ulivi, a est. Non esitano ad affrontare qualche giorno di cammino in più e decidono di girare intorno a Gerusalemme, da sud. Raggiungono Betlemme. Il loro cammino trova tutto il suo senso in questa deviazione. Rivivono la vita di Cristo. Erano partite da Parigi proprio per questo incontro con Gesù.

Vista di Gerusalemme
Vista di Gerusalemme

Gerusalemme

Camille e Guillemette hanno 215 giorni di cammino alle spalle, in media tra i 25 e i 35 km al giorno, concedendosi qualche giorno di pausa di tanto in tanto per recuperare. La salita al Monte degli Olivi arrivando da est non è molto lunga ma la pendenza è faticosa. Non vedono ancora Gerusalemme ma si sono preparate per settimane a questo primo contatto visivo. Né l’una né l’altra sono mai state in Terra Santa. Arrivano dalla cappella dell’Ascensione, in alto sul Monde degli Ulivi, passano la Moschea, poi la chiesa del Pater Noster, e davanti a loro ecco quello che aspettano da 7 mesi. La vista su Gerusalemme è magnifica. In primo piano, il Mausoleo di Omar sul Monte del Tempio, una spianata gigantesca che da sola occupa un sesto della Città Vecchia. Si fermano un attimo, ed esclamano: “Finalmente!”. Cominciano la discesa verso Gerusalemme, si fermano al giardino del Getsemani, si raccolgono sulla tomba di Maria e proprio accanto nella grotta del Getsemani, dove Gesù si era ritirato in preghiera insieme agli apostoli e dove poi fu tradito e arrestato. Rientrano nella Città Vecchia, attraversano il Suk, risalgono la Via Dolorosa fino al Santo Sepolcro e, uscendo dalla Porta di Erode, finalmente posano i loro zaini nella Scuola Biblica. I domenicani riservano loro un’accoglienza straordinaria. E’ il 13 aprile 2019. Hanno camminato per 5.000 chilometri, grazie a Dio: adesso possono riposarsi.
Nel giardino della Scuola Biblica dormiranno in una tenda che i domenicani hanno montato per loro. Ridono… Dalla loro partenza da Parigi non hanno mai dormito “fuori”.  I domenicani si sono presi cura di loro per 10 giorni. Sono felici, la loro gioia è contagiosa.

In nero, la strada percorsa tra Parigi e Gerusalemme
In nero, la strada percorsa tra Parigi e Gerusalemme

La vita dopo

Non se ne sono mai realmente preoccupate, perché si sono affidate alla Provvidenza, da Parigi a Gerusalemme. Vogliono “coltivare” questa prossimità con Dio nella loro vita quotidiana. A Parigi, al termine dei loro corsi all’università, avevano trovato lavoro. Camille si era impegnata nella raccolta di fondi europei per sostenere progetti di aziende francesi. Guillemette era infermiera nell’Associazione Perce-Neige che si occupa di persone con gravi disabilità, come la sindrome da confinamento. Per fare questo pellegrinaggio si sono licenziate e non sanno cosa faranno una volta tornate in Francia. Ma sanno di certo cosa non faranno: la loro vita non proseguirà senza Dio. Il pellegrinaggio avrà suscitato in loro una vocazione? Non escludono niente. “Ripenso spesso a Pierre, il serbo di 80 anni che ci ha dato il suo letto”, dice Camille. “Provo a proiettarmi tra qualche anno e vorrei tanto essere capace a mia volta di una generosità così grande”.

Camille e Guillemette

Camille, cosa ti è rimasto del vostro pellegrinaggio?

-Vorrei dire che la scommessa dell’abbandono e della consapevolezza in Dio è qualcosa che dà alla vita umana la sua luce e che permette di raggiungerne la pienezza, che le dà il suo vero significato. Un significato che va al di là della propria vita e che fa sì che essa valga veramente la pena di essere vissuta.

Guillemette?

- Per quanto mi riguarda, mi ha molto commosso vedere questi paesaggi, opera della creazione di Dio, durante il pellegrinaggio; sono stati davvero fonte di stupore; e anche tutte le persone, perché sono anch’esse creazione di Dio – nel quale crediamo – e non appartengono a loro stesse ma a Dio.  E, alla fine, considerando questo, si vede il capolavoro di Dio.

Camille, Guillemette, 5000 km à piedi…

- Sì, più o meno, non li abbiamo contati precisamente …

…più o meno ; lo rifareste insieme?

- Certo!

- Sì, insieme?

- Sì, sì. Certo!

- Lo rifaremmo insieme.

05 giugno 2019, 08:58