Cerca

Vatican News
Gruppi armati in Centrafrica Gruppi armati in Centrafrica  (AFP or licensors)

Nuovo governo in Centrafrica: critiche dei gruppi armati

Uno dei principali gruppi armati attivi nel Paese e tra i 14 gruppi firmatari con Bangui dell’accordo di pace concluso a inizio febbraio, ha accusato il governo di non aver rispettato “gli impegni presi” nella formazione di un nuovo esecutivo

Elvira Ragosta – Città del Vaticano

Ieri, domenica 3 marzo, è arrivato, tramite la radio nazionale, l’annuncio del nuovo esecutivo. Il Primo ministro del nuovo governo inclusivo sarà Firmin Ngrebada, ex direttore dell’ufficio del Presidente Tuadéra. Con lui una squadra di 36 ministri, di cui circa una ventina riconfermati dal precedente governo. Tra le novità di questo esecutivo la presenza di sei dei 14 gruppi armati che hanno partecipato alla firma dell’accordo di pace a Khartoum.

Le critiche del Frpc

Tra questi gruppi, il Fronte Popolare per la rinascita del Centrafrica, lamenta l’assenza di importanti cambiamenti nel nuovo governo, in particolare che tutti i titolari dei portafogli strategici sono rimasti immutati. Il Frpc, cui sono stati attribuiti due ministeri, quello di Sviluppo, Energia e le Risorse idriche e quello di Acque e Foreste, non ha però precisato se intenda ritirarsi totalmente dall’accordo di pace.

La precarietà degli accordi pace

L’accordo di pace, firmato il 6 febbraio tra Bangui e 14 gruppi armati, è l’ottavo dall’inizio della crisi, sorta nel 2013 con sanguinosi scontri tra milizie Séléka e gruppi anti Balaka, seguiti da violenze di combattenti e movimenti armati. Ricco di risorse naturali, il Paese a causa della guerra ha visto quasi un quarto dei suoi abitanti fuggire dalle loro case a causa dei combattimenti tra i diversi gruppi che controllano l’80% delle province centrafricane.

Un governo con 38 ministri rischia di non portare qualcosa di nuovo

“Si è arrivati alla designazione di un Primo ministro e un nuovo governo che non è poi molto nuovo – dice padre Aurelio Gàzzera, missionario carmelitano, che dal 1992 vive a Bozoum, città a 400 km a nord della capitale Bangui – perché ci sono molti ministri riconfermati e alcuni nuovi che fanno parte dei movimenti ribelli. E’ chiaro che un governo che ha già 36 ministri, un numero importante per un Paese come il Centrafrica, dove ci sono ministeri che si raddoppiano, è un governo che rischia di non portare granché di nuovo e l’introduzione dei gruppi armati non è che susciti molto entusiasmo”. Riguardo alle preoccupazioni della popolazione centrafricana, poi, padre Gazzera aggiunge: “preoccupa, intanto, il rischio di instabilità, poi il fatto di riconoscere a questa lotta armata un posto nel gioco politico”.

Ascolta l'intervista a Padre Gazzera
04 marzo 2019, 13:03