Cerca

Vatican News
Il nunzio mons. Sommertag Il nunzio mons. Sommertag  (AFP or licensors)

Nicaragua: ripreso il dialogo. Impegno a liberare i prigionieri politici

Con la mediazione del nunzio apostolico mons. Waldemar Stanislaw Sommertag e dell'inviato del Segretario generale dell'Organizzazione degli Stati Americani (Osa), Luis Almagro, sono ripresi ieri a Managua, i negoziati tra l'Alleanza Civica e il governo Ortega che si è impegnato a liberare i prigionieri politici

In un comunicato congiunto diffuso al termine della sessione – riporta l’agenzia Fides - le due parti rendono noto l'impegno formalmente assunto dall’Esecutivo di liberare nel termine massimo di novanta giorni tutte le persone arrestate "nel contesto dei fatti accaduti dopo il 18 aprile 2018", ovvero coloro che sono considerati prigionieri politici dall'opposizione e dalla comunità internazionale.

Un tavolo bipartisan per la riforma elettorale

La decisione è stata presa per sbloccare l'impasse degli ultimi giorni ed ha permesso altri due passi del processo di dialogo: la richiesta formale congiunta di un mediatore dell'OSA (che ne aveva subordinato l'invio alla liberazione degli oltre 700 prigionieri politici nicaraguensi) e l'accordo per l’avvio immediato del tavolo bipartisan per la riforma elettorale. Nella sessione ci si è accordati anche sulla ripresa dei lavori secondo una roadmap comprendente altri quattro punti, e si è stabilito di chiedere la collaborazione della Croce Rossa al tavolo del dialogo al fine di concretizzare la liberazione dei prigionieri.

Sostegno del card. Leopoldo Brenes alla partecipazione del nunzio Sommertag

Martedì l'arcivescovo di Managua, card. Leopoldo Brenes, aveva dichiarato di sostenere la partecipazione del nunzio Sommertag, come testimone di accompagnamento al tavolo dei negoziati.
 

21 marzo 2019, 13:02