Cerca

Vatican News
Nave della flotta tedesca Nave della flotta tedesca  (ANSA)

Migranti: Germania sospende invio nave per la missione “Sophia”

Allarme del presidente del Centro Studi Internazionali (Ce.S.I.) Andrea Margelletti: “l’Italia è sempre più isolata a livello europeo”

Alessandro Guarasci – Città del Vaticano

E’ tensione tra Italia e Germania sull’immigrazione. Berlino ha sospeso l’invio di una propria nave per la missione Sophia nel Mediterraneo “contro la posizione dell'Italia” sull’assistenza ai migranti. La nave “Augusta” avrebbe dovuto essere sostituita a febbraio dalla nave “Berlin” nell'ambito della missione Sophia, ma secondo la decisione riferita dal generale Eberhard Zorn alla Commissione Difesa ed Esteri, questo non dovrebbe avvenire. La “Berlin” si terrebbe comunque pronta, scrive l'agenzia di stampa tedesca Dpa, e potrebbe essere nel Mediterraneo in seguito a una nuova decisione nel giro di due settimane.

La disputa tra Germania e Italia

Intanto l'organizzazione umanitaria Human Rights Watch ha criticato l'Ue per il sostegno alla Guardia costiera libica. In una nota l'Unhcr aggiunge che "considerato l'attuale contesto, in cui prevalgono scontri violenti e diffuse violazioni dei diritti umani, i migranti e i rifugiati soccorsi non devono fare ritorno in Libia". E secondo l’Organizzazione Internazionale delle Migrazioni, dall'inizio dell'anno al 20 gennaio, un totale di 4.883 migranti e rifugiati sono entrati in Europa via mare attraversando il Mediterraneo e 203 hanno perso la vita. Il ministro dell’Interno Matteo Salvini, ribatte che "la missione navale Sophia ha come ragione di vita che tutti gli immigrati soccorsi vengano fatti sbarcare solo in Italia. Accordo geniale sottoscritto dal governo Renzi, non so in cambio di cosa. O cambiano le regole o finisce la missione”.

Margelletti: l’Italia rischia l’isolamento

Intervistato da Radio Vaticana Italia, il presidente del Centro Studi Internazionali (Ce.S.I.) Andrea Margelletti, dice che “l’Italia è sempre più isolata a livello europeo, serve un chiarimento ma con tranquillità”.

Ascolta l'intervista a Margelletti
23 gennaio 2019, 13:06