Cerca

Vatican News
Malnutrizione di un bambino nello Yemen Malnutrizione di un bambino nello Yemen 

Unicef: Campagna contro la malnutrizione

Nel mondo oltre 200 milioni di bambini soffrono di una qualche forma di malnutrizione. In Europa 1 bambino su 3 è in sovrappeso. Questi i principali dati del rapporto lanciato oggi dall'Unicef “Diamogli peso” per combattere la malnutrizione”

Elvira Ragosta –Città del Vaticano

Secondo gli ultimi dati raccolti dall’Unicef sono circa 151 milioni i bambini affetti da malnutrizione cronica, oltre 50 quelli colpiti da malnutrizione acuta. Nel 2017, la malnutrizione è stata concausa di circa 3 milioni di decessi infantili. Africa e Asia sono i continenti che sopportano il peso maggiore delle diverse forme di malnutrizione: nel 2017, il 55% dei bambini affetti da malnutrizione cronica viveva in Asia, il 39% in Africa; il 69% di quelli con malnutrizione acuta si trovava in Asia, il 27% in Africa.

Malnutrizione causata da povertà e guerre

“Si tratta di una cifra incredibile - dice Paolo Rozera, direttore generale di Unicef Italia - e tutto ciò è dovuto principalmente a situazioni di povertà e alle guerre, due elementi che portano inevitabilmente alla malnutrizione. Combattere la malnutrizione deve essere un impegno costante, vuol dire intervenire in modo sistematico in molti Paesi e vuol dire anche assenza di guerre”.

In Europa 1 bambino su 3 è sovrappeso

Altrettanto preoccupanti i dati sull'obesità dei bambini, sottolinea il Rapporto Unicef, visto che da più di 15 anni non si registrano progressi nell'arginare la crescita del tasso di sovrappeso. In Italia la percentuale di bambini e adolescenti obesi è aumentata di quasi 3 volte nel 2016 rispetto al 1975. “E’ come se fosse l’altro braccio della bilancia - continua Rozera - abbiamo un mondo in cui i bambini non hanno da mangiare e uno in cui mangiano troppo. Qui le cause sono diverse e lo stile di vita incide molto. Una cosa importante che emerge dal rapporto riguarda i disturbi mentali legati all’alimentazione, per questo bisogna lavorare a un corretto rapporto tra cibo e stile di vita”.

Ascolta l'intervista a Paolo Rozera


 

18 dicembre 2018, 13:39