Versione Beta

Cerca

Vatican News
Andamento dell'economia italiana Andamento dell'economia italiana  (ANSA)

Rapporto Svimez: in Italia rallenta la crescita

Nel più generale rallentamento dell’economia italiana, si riapre la forbice tra Centro-Nord e Mezzogiorno. Sono le previsioni di Svimez per il 2018 contenute nel rapporto 2018, 'L'economia e la società del Mezzogiorno' presentato oggi

Elvira Ragosta - Città del Vaticano

La crescita del Pil dovrebbe attestarsi all’1,3% nel Centro-Nord e allo 0,8% nel Mezzogiorno. Gli investimenti crescono più al Nord, mentre è la riduzione dei consumi nel Meridione a segnare maggiormente il rallentamento del Sud, dove la ripresa c’è ma è lenta e convive con rischi di frenata.

Se frena il Sud, frena l’Italia

Per Adriano Giannola, presidente di Svimez, al Sud la ripresa si caratterizza in positivo per una certa vivacità negli investimenti privati, soprattutto nel manifatturiero, che aveva subito un ridimensionamento molto forte negli anni di crisi, e manca completamente la spinta dei lavori pubblici, degli investimenti in conto capitale da parte dello Stato. “E questo è molto condizionante - aggiunge Giannola - perché il Sud ha molto bisogno di interventi infrastrutturali, anche per riammagliare le strutture produttive”. Se frena il Sud, frena l’Italia, sottolinea il rapporto Svimez, secondo cui la crescita del Centro-Nord, al di là della sua maggiore integrazione nei mercati internazionali, è altrettanto dipendente, per diverse ragioni, dagli andamenti del Mezzogiorno. Lo dimostra il fatto che nel periodo 2000-2016 le due macro-aree hanno condiviso la stessa dinamica stagnante del PIL pro capite.

Diseguaglianze e diritti dei cittadini

La seconda parte del rapporto è dedicata al tema delle disuguaglianze e dei diritti di cittadinanza. Riguardo a occupazione, abbandono scolastico e povertà, per Giannola i segnali che invia il Mezzogiorno sono preoccupanti: “Non basta la ripresa economica, che di per sé è molto debole, perché accanto ad essa c’è una prosecuzione dell’emergenza sociale che si fa ancora più grave in questi anni perché l’occupazione tende ad aumentare ma non recupera”.

Ascolta l'intervista a Giannola
08 novembre 2018, 14:45