Versione Beta

Cerca

Vatican News
 Basilica di San Marco, Venezia Basilica di San Marco, Venezia   (ANSA)

Maltempo: danneggiata la Basilica di San Marco a Venezia

Continua a piovere a Venezia dove l’acqua della laguna sta invadendo tutta la città e danneggiando il patrimonio artistico e culturale, compresa la Basilica di San Marco. Il patriarca, mons. Moraglia: ridare speranza alla città con interventi mirati

Luca Collodi – Città del Vaticano

Il disastro provocato dal maltempo nei giorni scorsi in Veneto ha riproposto il tema della salvaguardia del patrimonio religioso, storico e ambientale di Venezia. L'acqua marina della laguna è infatti entrata nella Basilica di San Marco, inondando il pavimento a mosaico marmoreo, il Battistero, la Cappella della Madonna con il Bambino creata nel XVI secolo dal cardinale Zen, arrivando un metro sopra il pavimento mosaicato del Nartece. La Basilica è stata riaperta al pubblico, ma le piogge odierne hanno fatto registrare 105 cm. di acqua alta e invaso l'8 per cento della città a cominciare proprio da Piazza San Marco. Forte la preoccupazione di mons. Francesco Moraglia che, ai nostri microfoni, chiede interventi tempestivi per ridare speranza alla città e ai cittadini. (Ascolta l'intervista a mons. Moraglia

La fragilità di Venezia

"Nel momento culminante dell'acqua alta - spiega il patriarca di Venezia a Radio Vaticana Italia - sono andato a vedere direttamente sia lo stato della Basilica, raggiunta dall'acqua in più punti, sia della Piazza San Marco. E proprio percependo la gravità della situazione ho voluto raccomandare soprattutto le persone e la loro incolumità alla Madonna Nicopeia e al patrono san Marco. In quei momenti  la Basilica mi è sembrata l’immagine dell'intera città di Venezia nella sua fragilità. La basilica di San Marco e Venezia vanno rispettate, custodite e mantenute come realtà vive, di popolo.

Il progetto del  ‘Mose’

Non sono un tecnico, prosegue il patriarca Moraglia, e non sono in grado di quantificare i danni che l’acqua marina con la sua salinità può arrecare alla Basilica, danni che si potranno manifestare e verificare solo nel tempo. Le preoccupazioni ci sono. Speriamo quindi che anche certi strumenti, progettati e da tempo in fase di definizione, a questo punto possano entrare presto in funzione, e soprattutto funzionino bene. L'avvio del funzionamento del sistema di dighe mobili, infatti, consentirebbe di ridare speranza alla città e non far venire meno la fiducia nelle istituzioni.

03 novembre 2018, 12:29