Cerca

Vatican News
Venezuela, protesta di studenti a Caracas Venezuela, protesta di studenti a Caracas  (ANSA)

Venezuela, i vescovi contro la violenza politica

Dopo il fallito attentato al presidente Maduro, i vescovi venezuelani chiedono che si fermino "arresti arbitrari, torture e sparizioni forzate”. Il governo, nel tentativo di trovare i colpevoli, sta creando una situazione di crisi e insicurezza

Andrea Gangi – Città del Vaticano

Continuano le violenze in Venezuela dopo il fallito attentato contro il presidente Nicolás Maduro. Il governo, nel tentativo di trovare i colpevoli, starebbe creando una situazione di crisi e di insicurezza. I vescovi invitano a fermare le repressioni che inquietano il paese.

Contro la repressione violenta

“Nessuno può essere privato della dignità”: con questa frase di Papa Francesco la Commissione Giustizia e pace della Conferenza episcopale del Venezuela è intervenuta in merito a quanto sta succedendo dopo il presunto attentato al Presidente.
Nella nota, firmata da monsignor Roberto Luckert, presidente della Commissione Giustizia e pace, e da don Saul Ron Braasch, vicario generale di Giustizia e pace, si invita il governo “a fermare la repressione violenta contro i cittadini, azioni che si aggiungono alla situazione di crisi, insicurezza e squilibrio sociale che sta vivendo il Paese”. Inoltre si richiama il Consiglio morale repubblicano “all’obbligo di proteggere i diritti umani dei cittadini e indagare sulle responsabilità amministrative dei funzionari che violano questi diritti”.

No a detenzioni arbitrarie e a trattamenti crudeli

I vescovi venezuelani si schierano contro le violazioni dei diritti umani e invitano a denunciare ogni atto che violi la legge.
“I fatti su cui si sta investigando – precisano i membri della commissione – devono essere accertati tramite i canali del processo penale e i Tribunali competenti”, condizioni indispensabili per determinare responsabilità e colpe. Inoltre affermano che “gli arresti di parlamentari, funzionari e cittadini sulla base di indizi o presunzioni di responsabilità penali non devono portare a detenzioni arbitrarie, trattamenti crudeli o disumani, torture e sparizioni forzate”. I vescovi chiedono perciò al Consiglio morale repubblicano di vigilare sull’effettivo rispetto dei diritti umani, contro le arbitrarietà e le distorsioni del potere, mettendo in atto “le azioni necessarie per determinare le responsabilità dei funzionari di qualsiasi tipo che violano i diritti umani”.

L’ attentato del 4 agosto

L’ attentato è avvenuto sabato 4 agosto. Una bomba al plastico, aerotrasportata da un drone, è esplosa nell’aria a Caracas, non lontano dal palco sul quale il presidente Nicolás Maduro stava commemorando l’ottantunesimo anniversario della fondazione della Guardia Nacional. Maduro si era auto-rieletto lo scorso 20 di maggio attraverso una elezione che secondo l' opposizione sarebbe fraudolenta.

 

 

10 agosto 2018, 12:51