Versione Beta

Cerca

Vatican News
Il card. Sergio da Rocha Il card. Sergio da Rocha 

Brasile: il card. da Rocha invita i candidati al dibattito

Fissato il 20 settembre il "Dibattito Aparecida", nel quale si confronteranno i candidati alla presidenza della Repubblica alle elezioni del 7 ottobre. Card. da Rocha: “Nonostante i suoi limiti, il dibattito è uno strumento da valorizzare”

Andrea Gangi – Città del Vaticano

A un mese dall’appuntamento elettorale di ottobre, i vescovi invitano i candidati presidenziali al dialogo e al dibattito, in un evento televisivo e radiofonico che sarà trasmesso in diretta dalla sala congressi del Santuario Nazionale della Madonna di Aparecida.

Valorizzare il dibattito

“Il dibattito è uno strumento da valorizzare, nonostante i suoi limiti. Permette di conoscere meglio non solo le proposte, ma anche le posizioni e le opinioni dei candidati su diversi argomenti”. Così ha detto il card. Sergio da Rocha, arcivescovo di Brasilia e presidente della Conferenza episcopale. "È necessario sapere come ognuno di loro intende rispondere concretamente ai diversi problemi della popolazione, poiché non bastano promesse o discorsi generici”.

La responsabilità dei cattolici

Riguardo all’Assemblea legislativa, il card. da Rocha sottolinea che è importante conoscere i candidati e raccomanda prudenza circa le notizie e i commenti spesso tendenziosi che circolano nei social media. Il porporato chiede ai cattolici una responsabilità attiva: "Nonostante i suoi tanti problemi, la politica ha un ruolo democratico fondamentale; l'elettore deve valorizzare l'opportunità che il voto gli offre per indicare una direzione per il Paese”. Il "Dibattito Aparecida" sarà moderato da un giornalista e durerà due ore. Alcune domande verranno sorteggiate tra il pubblico, altre saranno poste dai vescovi, altre ancora da giornalisti e alcune poste dagli stessi candidati, con diritto di replica.

Elezioni difficili

"Questo non sarà un processo elettorale comune”, spiega all'Agenzia Fides Alessandro Gomes, vicepresidente della rete nazionale delle radio cattoliche, “poiché avviene nel contesto di una profonda crisi politica, economica e morale che colpisce il Paese”.

 

 

25 agosto 2018, 10:37