Versione Beta

Cerca

Vatican News
Veglia di preghiera promossa dalla Comunità di Sant'Egidio Veglia di preghiera promossa dalla Comunità di Sant'Egidio 

I giovani della Comunità di Sant'Egidio alle Fosse Ardeatine

Giovani per la pace della Comunità di Sant'Egidio sono in questi giorni a Roma per un Incontro in cui intendono ribadire il loro impegno. Oggi la visita alle Fosse Ardeatine, luogo simbolo dell'odio che non deve più ripetersi.

Francesca Sabatinelli - Città del Vaticano
(Ultimo aggiornamento 8:30 del 15 luglio)

Mille ragazzi europei, dei Giovani per la pace della Comunità di Sant’Egidio, si sono dati appuntamento questa mattina alle Fosse Ardeatine, per ricordare l’orrore della Seconda guerra mondiale.

L'incontro dei ragazzi in corso a Roma 

Dopo Barcellona l’anno scorso, all’indomani del grave attentato sulla Rambla, e dopo il pellegrinaggio ad Auschwitz, da venerdì sono a Roma per partecipare all’incontro “A Globale Fiendship to live Together in Peace”, manifestazione per la pace e l’unità, curata da questi ragazzi che ogni giorno nelle loro città sono impegnati nelle periferie accanto ai bambini in difficoltà, ai senza dimora, agli anziani.

Il protagonismo dei giovani nella costruzione della pace

Con la manifestazione alle Fosse Ardeatine, e con l’omaggio ai caduti, oltre a denunciare l’orrore della violenza e del razzismo, si vuole chiedere all’Europa di riscoprire i suoi fondamenti accogliendo e integrando chi è più debole. Il dramma della Seconda guerra mondiale, spiega uno dei giovani di Sant’Egidio, Alessandro Iannamorelli, è lo “specchio del dramma di tante guerre ancora in corso”.  (Ascolta l'intervista a Alessandro Iannamorelli).
I giovani, secondo Iannamorelli, “non hanno un posto irrilevante in questa società, soprattutto per la costruzione della pace e del vivere insieme”.

14 luglio 2018, 15:14