Versione Beta

Cerca

Vatican News
 Migranti messi in salvo nel Mediterraneo Migranti messi in salvo nel Mediterraneo   (ANSA)

Migranti, vertice Ue. Mons. Agostinelli: occasione per ribadire regole comuni

La dignità delle persone costrette a migrare, la lotta a chi li sfrutta, la collaborazione dell'Europa per la ricerca di soluzioni condivise: le riflessioni di mons Agostinelli alla vigilia di due importanti appuntamenti europei

Elvira Ragosta e Gabriella Ceraso - Città del Vaticano

Il dossier migranti sarà al centro del pre-incontro tra 9 Stati membri dell’Unione Europea, Italia compresa, che si terrà domenica prossima, in attesa del Consiglio Ue del 28 giugno.

"Sia un momento di confronto e di condivisione", è l'auspicio espresso da mons. Franco Agostinelli, vescovo di Prato e delegato della Conferenza episcopale toscana per i Migranti, che a Vatican News sottolinea il ruolo dell'Italia ma anche la collaborazione necessaria in tema di flussi da parte di tutta l'Europa che dovrebbe, dice, dare prova di "civiltà". ( Ascolta l'intervista a mons Franco Agostinelli sulla questione migranti)

Migranti, non merce ma esseri umani

Il presule esprime inoltre grande preoccupazione per il modo in cui viene affrontato il tema dei migranti: "non discutiamo di merce, ma di esseri umani" sottolinea, persone che sono costrette a fuggire a causa di guerra e povertà. "Il problema esiste e l'Europa, il mondo non può non affrontarlo", ma occorre farlo insieme. Mons. Agostinelli rilancia anche le possibili responsabilità legate a chi profitta della situazione, cita i governi dell'Africa e le bande di trafficanti di esseri umani.

Europa dimostri di essere culla di civilità

"Darsi delle regole" è necessario, ma ancora prima, ribadisce, bisogna ricordare che "l'Europa che si vanta di essere culla di civiltà e di diritti umani", deve dimostrarlo "coi fatti". Dunque niente, musi o reticolati "che sanno di lagher", ma dialogo e collaborazione.

In vista del pre-vertice di domenica mons. Agostinelli quindi si augura che l'Italia, come i singoli Stati, pur partendo da esigenze oggettive si pieghino alla logica del bene comune e che quindi tutti in questo incontro facciano la loro parte.

 

 

 

22 giugno 2018, 10:48