Versione Beta

Cerca

Vatican News

Rwanda: un mulino per creare lavoro ed educazione

Continua il viaggio in Rwanda di Vatican News, su invito della missione americana presso le agenzie Onu, con lo scopo di mostrare il lavoro di cooperazione, sostegno e sviluppo alle popolazioni africane più povere

Olivier Bonnel - Rwanda

La cittadina di Nyagisozi-Nyaruguru, nel sud-est del Rwanda, è stata scelta da quattro agenzie delle Nazioni Unite - FAO ,FIDA, PAM e UN Women - per sviluppare una cooperativa dedita all'agricoltura.

Un mulino elettrico fonte di lavoro e vita

Fondata nel 2015, la cooperativa impiega 974 persone, di cui l'85% è costituito da donne: appartengono alla cosiddetta "classe 1", la più povera secondo i criteri FAO. Grazie al finanziamento delle agenzie Onu vi è stato istallato un mulino elettrico per macinare il mais. La farina prodotta oggi serve alle famiglie dei membri della cooperativa come base per il cibo, ma è anche messa a disposizione del mercato locale. Le donne sono potute così diventare autonome, sia dal punto di vista economico, sia alimentare, cosa fino a poco tempo fa impensabile.

Insegnare economia e risparmio

Dalla vendita della farina, i beneficiari della cooperativa hanno tratto un profitto che ha permesso anche l'acquisto di animali (maiali, mucche...). Oltre la propria produzione, la cooperativa ha inoltre sviluppato un percorso di formazione agricola per i suoi membri. Si tratta di cose molto pratiche come la conoscenza delle stagioni, dei seminati, nozioni di igiene, etc. La gente testimonia che, prima della cooperativa, seminava 5 grani di fagioli a terra quando ne bastano solo due; che ha capito cosa vuole dire risparmiare e che grazie a tutto ciò la produzione è cresciuta e gli acquisti si sono estesi.

Promuovere sviluppo e integrazione

Nella formazione interna alla cooperativa, c'è infine lo scopo di promuovere l'uguaglianza tra uomini e donne, sostenendo una legge del governo rwandese che garantisce la condivisione della terra tra i due sessi. Jean Bosco, un contadino, racconta che la divisione del terreno si fa adesso in due parti uguali, e ciò riduce i conflitti domestici. Oltre lo sviluppo e l'integrazione della donna, questo tipo di cooperativa ha anche una funzione sociale molto importante nelle piccole comunità locali.

Photogallery

Le foto della cooperativa di Nyagisozi-Nyaruguru
01 giugno 2018, 08:00