Versione Beta

Cerca

VaticanNews
Gli iracheni al voto Gli iracheni al voto  (AFP or licensors)

Elezioni in Iraq: un voto decisivo per il futuro del Paese

Elezioni legislative oggi in Iraq, le prime dalla sconfitta militare dell'Is annunciata lo scorso novembre dal premier Haider al Abadi. Sei persone uccise a Kirkuk in una serie di attentati

Elvira Ragosta - Città del Vaticano

7.000 i candidati per 329 seggi parlamentari. Sarà poi il Parlamento a eleggere il Presidente e il premier. Sono chiamati a votare 22,5 milioni di iracheni.  Durante il voto non sono mancati gli attentati: sono almeno sei infatti le persone uccise in una serie di attacchi sferrati dai miliziani del sedicente Stato Islamico contro i checkpoint della sicurezza nella provincia settentrionale di Kirkuk. Per Andrea Plebani, docente di Geopolitica all’Università Cattolica, queste elezioni sono un test per valutare l’evoluzione del sistema politico iracheno e la popolarità dell’attuale primo ministro al Abadi, nonché per definire le correnti più importanti all’interno del sistema iracheno.

Ascolta l'intervista ad Andrea Plebani

 

12 maggio 2018, 14:29