Versione Beta

Cerca

VaticanNews
Supporters ai comizi dei due candidati alle presidenziali Supporters ai comizi dei due candidati alle presidenziali  (ANSA)

Costa Rica: al ballottaggio testa a testa tra i due Alvarado

La Costa Rica al voto per l’elezione del nuovo Presidente del Paese centroamericano. Al ballottaggio Carlos Alvarado e Fabrizio Alvarado

Patricia Ynestroza - Città del Vaticano

Sarà il ballottaggio a stabilire domani chi sarà il nuovo Presidente della Costa Rica. Al primo turno, in un clima di forte frammentazione, il più votato – con il 29,74% – è stato il giornalista Fabricio Alvarado Muñoz, del partito conservatore Restaurazione nazionale, evangelico e cantante di musica cristiana. Si contenderà la presidenza con il socialdemocratico Carlos Alvarado Quesada, del Partido Acción Ciudadana. Quest’ultimo è il candidato del Presidente uscente Luis Guillermo Solis che, quattro anni fa, aveva messo fine al tradizionale bipartitismo tra il Partito di liberazione nazionale e il Partito unità sociale cristiana.

Un Paese democratico e stabile

La Costa Rica è un piccolo Paese che si contraddistingue per la sua tradizione democratica e una stabilità politica. E’ considerato uno dei Paesi più progressisti della regione, con un tasso di alfabetizzazione del 97,5% e un investimento, secondo l’Unesco, di oltre il 7% del Pil in materia di istruzione. L'indice di sviluppo umano delle Nazioni Unite lo dà al 66 ° nel mondo e al 3° in America Latina.

Come spiega il giornalista Maurizio Stefanini, esperto di America Latina, il ballottaggio di domani segna la fine del bipartitismo che ha contrassegnato la vita politica del Paese fin dagli anni '50

Ascolta l'intervista a Maurizio Stefanini
30 marzo 2018, 08:55