Cerca

Vatican News
A Monaco, il premier israeliano Nethanyahu mostra un frammento di drone abbattuto A Monaco, il premier israeliano Nethanyahu mostra un frammento di drone abbattuto  (ANSA)

Grave incidente aereo in Iran. A Monaco sale la tensione con Israele

Nell’Iran sconvolto da un grave incidente aereo con 66 vittime, suscitano polemiche le dichiarazioni del premier israeliano Netanyahu che ha prospettato l’ipotesi di intervenire militarmente nei confronti di Teheran “se necessario”.

Benedetta Capelli – Città del Vaticano

E’ stata aperta un’inchiesta in Iran dopo lo schianto di un aereo, con a bordo 66 persone, partito da Teheran e diretto nella città di Yasuj. Il velivolo è scomparso dai radar 50 minuti dopo il decollo e si è schiantato in una zona di montagna nella provincia di Isfahan. Ancora ignote le cause dell’incidente; i soccorsi risultano difficili a causa della neve e della fitta nebbia che complicano le operazioni.  

Tensione alla Conferenza sulla sicurezza globale a Monaco

Intanto ci sono stati attimi di tensione alla 54.ma Conferenza sulla sicurezza globale di Monaco di Baviera nella quale si cercano strategie comuni sui temi della sicurezza e della prevenzione e sulla soluzione pacifica dei conflitti. Il premier israeliano Benyamin Netanyahu ha mostrato, durante il suo intervento, il frammento di un drone iraniano abbattuto giorni fa dall’ aviazione israeliana dopo che era penetrato nel territorio di Israele. Ironizzando sulle smentite di Teheran, Netanyahu si è rivolto direttamente al ministro degli Esteri iraniano Javad Zarif chiedendo se riconosceva il frammento.

Israele pronto ad intervenire militarmente in Iran

“Teheran – ha continuato il primo ministro israeliano rappresenta la più grande minaccia per il mondo” pertanto non è escluso un intervento militare sia contro gli alleati dell’Iran in Medio Oriente che contro l’Iran. “Israele non permetterà al regime iraniano di stringere un cappio al nostro collo, non è una minaccia solo per noi, ma anche per voi”: ha detto Nethanyahu rivolgendosi ai partecipanti della conferenza.

Dura la risposta di Teheran

Non è mancata la risposta iraniana all'intervento del premier israeliano. Il ministro degli Esteri Javad Zarif ha rivolto parole offensive nei confronti di Nethanyahu  aggiungendo che "alcuni ricorrono ai cartoni animati per giustificare errori strategici o forse per evitare la crisi interna", alludendo ai problemi legali di Netanyahu in Israele. 

18 febbraio 2018, 12:56