Versione Beta

Cerca

Vatican News
Il confine tra le due Coree Il confine tra le due Coree  (AFP or licensors)

Disgelo fra le Coree: vertice dopo due anni di mancati colloqui

Incontro di “alto livello” per discutere la potenziale presenza della Corea del Nord alle Olimpiadi invernali di febbraio e le opzioni per migliorare i rapporti bilaterali

Paola Simonetti – Città del Vaticano

Prove di riavvicinamento fra la Corea del Sud e del Nord: domani vertice  al villaggio di confine di Panmunjom, a Seul, il primo del suo genere in oltre due anni. La Corea del Nord ha notificato che Ri Son-gwon, presidente del Comitato per la Riunificazione pacifica della Corea, sarà a capo della delegazione di 5 persone, mentre quella del Sud sarà guidata dal ministro dell'Unificazione Cho Myoung-gyon. I due sono a capo delle istituzioni più alte che gestiscono i rapporti e le questioni intercoreane nei rispettivi Paesi.

Nell'agenda dei lavori, oltre alla presenza del Nord alle Olimpiadi invernali di PyeongChang che si svolgeranno dal 9 al 25 febbraio, ci sono le ipotesi su come migliorare i rapporti fra i due Paesi. 

Un incontro che ha una grande valenza, secondo Nunziante Mastrolia, docente esperto dell’area alla Luiss, poichè rappresenta un inizio di colloqui che non si vedevano da tempo. “Disgelo che si deve  - aggiunge Mastrolia - alle posizioni inflessibili del presidente degli Stati Uniti, Trump”

Ascolta l'intervista a Nunziante Mastrolia

 

08 gennaio 2018, 11:20