Cerca

Vatican News
Telefonata tra un militare della Corea del Sud e un ufficiale della Corea del Nord (agosto 2005) Telefonata tra un militare della Corea del Sud e un ufficiale della Corea del Nord (agosto 2005) 

Riparte il dialogo tra le due Coree

Segnali di disgelo tra Corea del nord e Corea del sud in vista delle Olimpiadi invernali. Pyongyang ha riaperto un canale di comunicazione con Seul.

Benedetta Capelli – Città del Vaticano

E’ durato circa 20 minuti il contatto telefonico tra Corea del Nord e Corea del Sud, primo in quasi due anni avvenuto tramite un canale di comunicazione transfrontaliero riattivato stamani da Pyongyang. Si tratta di una vera e propria accelerazione della Corea del Nord dopo la disponibilità del governo sudcoreano di far partecipare la delegazione di Pyongyang alle prossime Olimpiadi invernali del 9 febbraio.

Si riaccende la tensione Usa-Corea del Nord

Un segnale che arriva dopo la risposta, attraverso un tweet, del presidente americano Trump che ha parlato di “un regime alla fame” in risposta alla minaccia velata del leader nordcoreano Kim Jong-un che aveva detto di avere sulla propria scrivania il pulsante per scatenare un’apocalisse nucleare. Il capo della Casa Bianca ha risposto di avere anche lui un pulsante nucleare ma molto più grande di quello nordcoreano.

Speranze di pace tra le due Coree

Intanto quanto accaduto oggi è un segnale importante per i due Paesi nonostante le fratture sul nucleare come conferma Antonio Fiori, docente di storia e istituzioni dell’Asia all’università di Bologna.

Ascolta e scarica l’intervista ad Antonio Fiori:
03 gennaio 2018, 11:54