Versione Beta

Cerca

Vatican News
Profughi rohingya in Bangladesh Profughi rohingya in Bangladesh 

Aiutateci ad aiutare: appello della Ong Moas per i più poveri

Il Natale sia una festa di carità e di dono gratuito per chi soffre. Lo chiede la campagna lanciata per le feste di Natale dai volontari del Moas attivi in Bangladesh

Gabriella Ceraso- Radio Vaticana
Ultimo aggiornamento 25.12.2017

“Non facciamoci abbagliare dalle luci del Natale dimenticando il valore vero della festa: il messaggio di amore e carità". E’ l’invito che in questi giorni arriva dalla Moas - Migrant Offshore Aid Station - una organizzazione non governativa specializzata nella ricerca e nel soccorso.

Il Natale sia occasione di generosa carità per chi soffre
La voce del Moas si leva in particolare per le circa 655mila persone che sin da agosto si sono riversate in Bangladesh scappando dal vicino Myanmar.

“Papa Francesco col suo viaggio in Bangladesh ha portato l’attenzione del mondo sui sofferenti, sui poveri e gli ultimi che vivono ammassati in questo Paese” afferma Regina Catrambone della Moas, “mentre l’occidente vive generalmente nell’indifferenza”.

Grave la situazione dei profughi specie Rohingya
L’indifferenza per il dramma della migrzione forzataLa maggior parte dei profughi , circa il 60%, sono donne e bambini, racconta, ma ci sono anche anziani che “nessuno nella fuga ha voluto lasciare indietro, anche a costo di caricarseli sulle spalle e camminare per chilometri”.“Aiutaci ad aiutare” è la campagna con cui la Moas cerca di raccogliere fondi per poter stare meglio al fianco di circa 300 persone che cura ogni giorno nei due campi profughi allestiti in Bangladesh.

Dissenteria, polmonite e bronchiti sono letali
Regina Catrambone descrive le urgenze sanitarie di questi giorni in primo luogo la dissenteria che arriva ad uccidere soprattutto le minoranze Rohingya. Ma il sostegno serve anche al governo del Paese che, racconta, “ha scelto di non chiudere le frontiere e sta affrontando coraggiosamente una grandiosa opera di accoglienza”.

Ascolta l'intervista di Linda Bordoni a Regina Catrambone del Moas
22 dicembre 2017, 14:58