Versione Beta

Cerca

VaticanNews
Bambini - Bangladesh Bambini - Bangladesh 

Rapporto UNICEF: “La violenza contro i minori non conosce limiti”

La violenza contro i bambini: fenomeno "trasversale"secondo l'UNICEF . Ogni 7 minuti un adolescente viene ucciso e 300 milioni subiscono aggressioni psicologiche e/o fisiche

di Emanuela Campanile

"La violenza contro i bambini non risparmia nessuno e non conosce limiti". E' la dichiarazione di Cornelius Williams, Responsabile UNICEF per la Protenzione dell'Infanzia, a margine della presentazione del nuovo Rapporto sulla violenza contro i minori, realizzato dall'organizzione dell'ONU: "A Familiar Face: Violence in the lives of children and adolescents" (Un volto familiare: la violenza nelle vite di bambini e adolescenti).

Le cifre sono spaventose, mostrano un fenomeno in crescita esponenziale e presente in ogni ambiente sociale e in ogni Paese. Fenomeno "trasversale" che, come denunciato dallo studio, procura "a livello globale" l'uccisione di un minore ogni 7 minuti300 milioni di bambini tra i 2 e i 4 anni, vittime di aggressioni psicologiche e/o fisiche da coloro che se ne dovrebbero prendere cura"; 15 milioni circa di ragazze - tra i 15 e i 19 anni - costrette a subire aggressioni sessuali e un impressionante numero di bambini di appena 12 mesi, che hanno già subito abusi.

“ Nel mondo, 1 bambino su 4 sotto i 5 anni - 176 milioni - vive con una madre vittima di un partner violento ”

La missione dell'UNICEF contro questo scempio, si articola sul piano educativo di sostegno alle varie comunità e ai sognoli genitori con corsi adeguati e pratici, ma anche di supporto alle istituzioni e ai governi per adottare piani nazionali coordinati che uniscano "istruzione, assistenza sociale, giustizia e sistemi sanitari". "Non si può prescindere dall'educazione" - spiega il portavoce UNICEF Italia, Andrea Iacomini - ci troviamo di fronte ad un corto circuito valoriale e di dialogo tra gli attori stessi della società, tra insegnanti, genitori e studenti". "Un corto circuito" da cui nemmeno le "società più avanzate" sono immuni e in cui la violenza si insinua anche negli aspetti più scintillanti e insospettabili.

Ascolta l'intervista ad Andrea Iacomini:

unicef
02 novembre 2017, 14:33