Cerca

Vatican News

A Budapest il Congresso Eucaristico Internazionale, in attesa di Francesco

Con la Messa del cardinale Angelo Bagnasco, presidente del Consiglio delle Conferenze Episcopali d’Europa, si è aperto l’evento che chiama tutta la Chiesa a riflettere sul tema: "Sono in Te tutte le mie sorgenti". “L’Eucaristia – ha detto Bagnasco – oltrepassa ogni solitudine, ogni distanza e ogni indifferenza”

Benedetta Capelli – Città del Vaticano

“Il Signore Dio ci doni di poter sentire in questi giorni che Cristo è con noi nell’Eucaristia. Non lascia da sola la Chiesa, i popoli, l’umanità”. Sono parole sentite quelle che il cardinale Péter Erdő, primate d’Ungheria, pronuncia all’inizio della Messa a Budapest che apre il 52.mo Congresso Eucaristico Internazionale, rinviato lo scorso anno a causa della pandemia. Un saluto che il porporato estende anche ai rappresentanti dei cristiani d’Oriente con i quali si lavora e si prega “per costruire l’unità dei cristiani” e perché “la nostra testimonianza – afferma il cardinale Erdő - sia credibile”.

Una voce che giunge al cuore dell’Europa

Nell’omelia della Messa celebrata nella Piazza degli Eroi di Budapest, il cardinale Angelo Bagnasco, presidente del Consiglio delle Conferenze Episcopali d’Europa, lascia leggere il suo testo in ungherese. Il porporato rievoca le campane che suonano a festa, “formando un coro che vuole abbraccia l’umanità intera”.

Da questo ideale pulpito, la voce dei Pastori, la voce di questa commovente assemblea, desidera bussare – umile e lieta – al cuore dei popoli d’Europa, e andare oltre fino a raggiungere i punti più remoti della terra.

Una voce che è “debole, ma fa eco a quella dei secoli ed è segnata dal sangue dei martiri”, da qui trae forza per annunciare Gesù e ricordare che “nonostante i limiti e le ombre dei suoi figli, nella Chiesa fiammeggia la luce di Cristo”.

Nessuno è solo

Quella voce, “come una vela spiegata al soffio dello Spirito”, dice una grande verità all’uomo di oggi:

Non sei solo in un universo ostile, non sei solo di fronte al mistero meraviglioso della vita, non sei solo con la tua sete di libertà e di eterno. Ovunque tu sia, non sei invisibile, Dio ti guarda con amore; non sei orfano, Dio ti è Padre; tu vali il sangue di Gesù, Redentore del mondo e Pane di vita eterna. Non avere paura: Dio non è morto, l’Eucaristia oltrepassa ogni solitudine, ogni distanza, ogni indifferenza.

E così quella stessa voce fa sì che la Chiesa sia chiamata a non tacere, a non essere ridotta in silenzio ma a “dare al volto di ogni uomo lo splendore del Cristo risuscitato”.

Dio è giovane

Guardando ai ragazzi della prima comunione e della cresima, il cardinale Bagnasco ricorda la semplicità del loro cuore che accoglie Gesù, un amico che non tradisce. Ai giovani delle scuole cattoliche dice che fede e ragione corrono insieme e che “Dio non è concorrente della vostra libertà, e la fede non è una serie di divieti, ma un grande alla gioia, anche quando è impegnativo perché l’amore è una cosa seria”.

Ricordate: la Chiesa ha bisogno di voi, della vostra giovinezza, dei vostri entusiasmi, e voi avete bisogno di Gesù. Tutto invecchia presto, solo Dio è sempre giovane, e la Chiesa è la vera giovinezza del mondo poiché custodisce il sacramento del Corpo di Cristo. L’Eucaristia sia il centro delle vostre giornate. Di tutti i giorni!

Il cardinale Bagnasco si rivolge anche ai sacerdoti, “sentinelle del mattino, presenza viva della Chiesa Madre e Maestra”. A loro va il ringraziamento della Chiesa perché “araldi dell’amore di Dio, profeti dello Spirito in un mercato della materia, eredi di una Tradizione viva e annunciatori del futuro in un mondo smarrito”. “La Chiesa – aggiunge - non vi assicura la tranquillità, ma vi ripete con Cristo: ‘Non temete’”.

Accanto ad ogni cuore

Infine l’invito a chi sente il peso della Croce, piange o è perseguitato per la giustizia, a chi si sente senza voce e senza patria, è di riprendere coraggio perché il Signore è presente nel cuore di chi si avvicina a lui.

La Chiesa non ha altro nome da annunciare e da adorare: Gesù Cristo. Ricordate: il suo volto è il Vangelo, la sua presenza è l’Eucaristia.

(Aggiornamento alle 12.50 del 6 settembre 2021)

05 settembre 2021, 16:58