Cerca

Vatican News
Un momento delle proteste seguite alla destituzione del capo dell'Ufficio del Procuratore Speciale contro l'impunità ( FECI) Un momento delle proteste seguite alla destituzione del capo dell'Ufficio del Procuratore Speciale contro l'impunità ( FECI) 

Guatemala, vescovi: illegale destituire il procuratore anti-corruzione

Juan Francisco Sandoval ha lasciato per motivi di sicurezza il Paese dopo la decisione a suo carico che per la Chiesa è un chiaro passo indietro nel sistema giudiziario e nel perseguimento dei crimini

 Alina Tufani - Città del Vaticano 

La Conferenza Episcopale del Guatemala ha condannato con forza la destituzione del capo dell'Ufficio del Procuratore Speciale contro l'Impunità (FECI), Juan Francisco Sandoval, garante della giustizia e della democrazia, e si è unita al clamore e all'indignazione di coloro che protestano contro una decisione che definiscono "illegale e arbitraria". In una dichiarazione, i vescovi avvertono che "nulla è più pericoloso per l'istituzionalità del paese delle mafie radicate" nelle istituzioni statali.

Il regime di impunità si consolida

"Coloro che si sono rallegrati per la destituzione si sentono sicuri e comodi quando il regime di impunità è consolidato", denuncia il documento firmato dal presidente dell'episcopato guatemalteco, monsignor Gonzalo de Villa y Vásquez, arcivescovo metropolita del Guatemala, e dal segretario generale, monsignor Antonio Calderón Cruz, vescovo di Jutiapa.

La destituzione del procuratore Sandoval da parte del capo della Procura, Consuelo Porras, venerdì scorso, ha spinto l'ex procuratore anti-corruzione a lasciare il Paese per motivi di sicurezza, poiché si teme una persecuzione giudiziaria per le sue indagini. Infatti, ore prima della sua partenza, in una conferenza stampa, Sandoval ha denunciato il fatto che il procuratore generale Porras aveva fermato diverse indagini che coinvolgevano membri del governo del presidente Alejandro Giammattei.

Gravi carenze nel sistema giudiziario

L'Episcopato ricorda nella sua nota che la Procura è l'organo statale responsabile delle indagini e del perseguimento dei crimini commessi e che solo una giustizia rapida e imparziale può garantire la libertà e la democrazia.

"È noto a tutti che il processo di amministrazione della giustizia in Guatemala presenta gravi carenze", afferma il comunicato dei vescovi. Tuttavia, riconoscono che negli ultimi anni sono stati in grado di indagare su atti che prima godevano di totale impunità, "generando speranza" tra i cittadini.

Danni irreparabili al paese

"Secondo noti uomini e donne di legge, l'improvvisa destituzione del procuratore Sandoval è stata illegale e arbitraria. Facciamo nostro il clamore dei cittadini nel percepire che questo fatto significa un chiaro passo indietro nella lotta per una lotta efficace contro la corruzione e l'impunità, che hanno fatto tanti danni allo sviluppo integrale del paese", sottolinea il comunicato.

I vescovi guatemaltechi sottolineano che il "brusco licenziamento del procuratore Juan Francisco Sandoval ha causato un danno irreparabile al paese", non solo perché blocca la risoluzione di importanti casi di corruzione ancora in corso, ma anche perché la credibilità della Procura è stata persa ancora una volta.

L'indignazione e le proteste cresceranno

"L'indignazione dei cittadini crescerà, le proteste sociali e il livello di conflitto aumenteranno, la già carente gestione della pandemia e il tortuoso processo di vaccinazione saranno ulteriormente complicati", prevede il comunicato del CEG.

Di fronte a questo panorama, l'episcopato esorta gli operatori della giustizia a impegnarsi nella ricerca della giustizia, nella costruzione della pace come bene superiore, a essere coraggiosi nel riconoscere i propri errori e a non perdere di vista il bene comune come espressione ultima del senso dello Stato guatemalteco.

Condanna della comunità internazionale

Dalla destituzione del procuratore anti-corruzione, i guatemaltechi sono scesi in piazza per protestare e hanno indetto uno sciopero nazionale. Varie organizzazioni chiedono le dimissioni del presidente, Alejandro Giammattei, e del procuratore generale, Consuelo Porras. Nel frattempo, varie organizzazioni internazionali hanno espresso il loro rifiuto di una decisione che indebolisce la lotta contro la corruzione e favorisce l'impunità.

Secondo le informazioni dell'Ufficio dell'Ombudsman dei diritti umani, l'ex procuratore Sandoval ha attraversato il confine terrestre con El Salvador sabato scorso. Il 38enne funzionario è stato un baluardo nella lotta contro la corruzione in Guatemala, soprattutto tra il 2014 e il 2019, insieme all'ex procuratore generale Thelma Aldana e all'avvocato Iván Velásquez, direttore della Commissione internazionale contro l'impunità in Guatemala (CICIG). Le indagini di questi tre operatori della giustizia hanno portato alla luce decine di casi di corruzione statale, coinvolgendo fino a 200 persone, tra cui ministri, funzionari, uomini d'affari e politici. Attualmente, Sandoval stava conducendo indagini volte a scoprire casi di corruzione all'interno dell'attuale governo.

 

28 luglio 2021, 10:04