Cerca

Vatican News
Un mese con Maria Un mese con Maria 

"Un mese con Maria", la conversione di Adolfo Rettè

E' la storia di una vita trasformata dall'amore di Dio quella dello scrittore francese e che il cardinale Angelo Comastri pone al centro delle sua meditazione. La riflessione del porporato fa parte di un ciclo di 31 puntate realizzate da Telepace e rilanciate da Vatican News per scoprire la devozione alla Vergine nel mese a lei dedicato

Eugenio Bonanata e Daniele D'Elia - Città del Vaticano

“Dal diavolo a Dio” è il titolo di un volume autobiografico scritto da Adolfo Rettè. La vita di questo letterato francese non è stata di certo esemplare. La sua esistenza è stata contrassegnata dal vizio e dal peccato. Fino a quando, nel 1907, dopo la sua conversione, decide di raccontare attraverso i suoi scritti l'immensa Misericordia di Dio. Rinnega il suo passato di ateo convinto e militante anticlericale. La trasformazione del suo animo è totale e i trascorsi quarant'anni nella negazione di Dio vengono espiati, da allora, in un fervente apostolato.

"Un mese con Maria" - 23. ma meditazione

Il cardinale Comastri, nella puntata di oggi, riporta diversi aneddoti riguardanti quest'uomo. È stato uno sposo infedele e violento, ha dissipato i suoi averi, è stato anarchico. Tuttavia, la sua inquietudine interiore l'ha condotto, un giorno, alla consapevolezza di aver toccato il fondo. Una voce interiore l'ha ammonito: “Tu non sei più un uomo, sei una fogna!”.  Ed è sollecitato ad una revisione della sua vita anche leggendo il Purgatorio di Dante Alighieri. Soprattutto la Vergine Maria ha giocato un ruolo fondamentale e nella preghiera gli ha suggerito di aprirsi all'amore di Dio. Nei pressi di Fontainebleau, in una piccola cappella dedicata a Nostra Signora della Grazia ha chiesto in preghiera, in un momento di sconforto: “Se è vero che sei la potente Mediatrice, prega tuo Figlio perché mi indichi quello che ora devo fare”. Lo stesso Rettè ha ammesso che quello è stato il momento decisivo che ha inaugurato la sua rivoluzione spirituale. Dopo aver dato ampia prova di essere stato toccato e trasformato dalla Grazia morirà, l'8 dicembre 1930, il giorno della festa dell'Immacolata Concezione. Sulla sua lapide è riportato l'incipit del Salmo 30 “in te Domine Speravi".

23 maggio 2021, 14:00