Cerca

Vatican News
2021.04.14 "storia don livinus 3

E' spirato padre Livinus, il sacerdote ordinato lo scorso Giovedì Santo

Il religioso nigeriano della "Mater Dei" aveva ricevuto la consacrazione da monsignor Libanori per volontà di Papa Francesco, cui aveva chiesto il permesso di essere ordinato in anticipo a causa delle condizioni di salute molto critiche. Il 26 aprile i funerali, poi la salma tornerà nella sua terra

Felipe Herrera-Espaliat – Città del Vaticano

È stato prete solo per 23 giorni, dallo scorso Giovedì Santo, ma lo sarà per l’eternità, perché così è il sacramento dell’Ordine che conforma l’uomo con Cristo sacerdote, che si offre a se stesso come sacrificio.

Sereno e in compagnia della sua comunità si è spento il sacerdote africano Livinus Esomchi Nnamani, 31 anni. Dieci anni fa si era unito alla comunità religiosa della “Mater Dei” nella città di Owerri, Nigeria, per iniziare la sua formazione religiosa. Dopo della sua prima professione ha ricevuto una diagnosi che lo dichiarava affetto da leucemia, ma questo non ha fermato il suo percorso di preparazione che nel 2019 l’ha portato a Roma. È stata una lotta molto forte, che da qualche mese lo aveva costretto nel presidio sanitario Medica Group Casilino.
 

Da lì ha scritto personalmente a Papa Francesco il 31 marzo scorso, Mercoledì Santo. L’ha fatto quando ha visto che le forze iniziavano a mancare e gli ha chiesto la dispensa per essere ordinato sacerdote in anticipo. La risposta del Santo Padre è stata quasi immediata, infatti è arrivata solo un paio di ore dopo tramite uno dei vescovi ausiliari di Roma, monsignor Daniele Libanori. Lo stesso presule ha incontrato il giorno dopo il Pontefice durante la Messa del Crisma, ricevendone l’incarico di procedere quello stesso Giovedì Santo all’ordinazione di padre Livinus.

È stata una celebrazione molto semplice in ospedale, presieduta dal vescovo ausiliare di Roma, alla quale hanno preso parte alcuni chierici della sua comunità religiosa e membri del personale sanitario che con affetto si sono presi cura di lui. Ha ricevuto il calice e la patena e le sue mani sono state unte con il Crisma dopo della preghiera di consacrazione che l’ha reso un alter Christus, configurato con Gesù sacerdote.

Da quel giorno, ha usato le poche forze che gli restavano per celebrare la Messa dal suo letto. Ha unito il suo sacrificio a quello di Cristo, come gli aveva suggerito monsignor Libanori il giorno dell’ordinazione. E così ha fatto fino a mercoledì scorso ad eccezione di ieri, per un peggioramento delle sue condizioni. Consapevole di quanto gli stava accadendo padre Livinus ha chiesto il confessore e ricevuto la comunione.

Stamattina, il suo superiore generale, un altro sacerdote della Mater Dei e un giovane in discernimento vocazionale hanno pregato la coroncina della misericordia accanto a lui in ospedale. Subito dopo, alle ore 11.10, padre Livinus è spirato e i suoi confratelli lo hanno affidato nelle mani della Madonna con la preghiera del Sub tuum praesidium.

La celebrazione della Messa funebre è fissata per lunedì 26 aprile alle ore 11.00 nella parrocchia San Giovanni Leonardi, nel settore di Torre Maura. Successivamente la sua salma sarà riportata nella sua terra.

 

23 aprile 2021, 16:17