Cerca

Vatican News
La lotta al Covid in un ospedale italiano, oltre 100 mila le vittime della pandemia La lotta al Covid in un ospedale italiano, oltre 100 mila le vittime della pandemia  (ANSA)

Il Papa prega per le vittime del Covid in Italia, i malati e chi li ha assistiti

In un tweet Francesco si fa vicino alle oltre 100 mila persone morte in Italia a causa della pandemia nel giorno in cui si celebra la prima giornata nazionale di preghiera in loro memoria. Solidairetà anche dal cardinale Bassetti, presidente della Cei

Roberta Barbi - Città del Vaticano

"#PreghiamoInsieme per le più di 100.000 vittime italiane del COVID: tante persone che hanno lasciato la vita a causa della malattia, e tante altre che hanno donato la loro vita al servizio degli ammalati. Il Signore li accolga e consoli le loro famiglie". E' il tweet col quale dal suo account @Pontifex il Papa ha voluto unirsi al dolore e alla preghiera che oggi in Italia accompagna e sostiene tante famiglie che hanno visto scomparire negli ultimi mesi molti dei loro cari, strappati dal Covid sia che fossero distesi su un letto d'ospedale sia che fossero in camice e mascherina a svolgere la propria professione di medico, infermiere, assistente.

Anche il cardinale Gualtiero Bassetti, presidente dei vescovi italiani, celebra questa giornata con le parole di Giorgio La Pira: c’è una primavera che si prepara in questo inverno apparente, la morte non ha l’ultima parola. “Vogliamo pregare per tutti coloro che sono stati strappati alla vita dal virus che da più di un anno sta flagellando l’Italia e il mondo intero. Oggi è il momento di fare silenzio e di rivolgere il nostro pensiero alle oltre centomila persone che non ce l’hanno fatta. Un silenzio che si fa preghiera e che apre alla speranza”.

Le parole del cardinale Bassetti sulle vittime del coronavirus

“Oggi - prosegue il cardinale Bassetti - è l’occasione per fare memoria, perché chi non ha memoria non ha radici e viene sradicato da qualunque vento – ha detto ancora il porporato - la memoria è come un contenitore che dà senso profondo alla vita e da cui si può attingere. La preghiera diventa allora una cannella d’acqua fresca che sgorga da questo contenitore e si traduce in un dialogo con Dio”.

“La gente ha bisogno di pane, ma anche di lavoro, di solidarietà e di grazia perché senza grazia la vita non ha senso – riflette il presidente della Cei - c’è una primavera che si prepara in questo inverno apparente, ripeteva La Pira e anche noi, oggi, vogliamo pensare che sia così, certi che la morte non abbia l’ultima parola”. La Giornata nazionale istituita per conservare e rinnovare la memoria di tutte le persone decedute a causa dell’epidemia di Coronavirus viene celebrata nelle chiese che sono in Italia con liturgie e momenti dedicati. Nella sede della Conferenza episcopale italiana è stata issata la bandiera a mezz’asta. Per l’occasione, infine, l’Ufficio liturgico nazionale ha composto una preghiera da recitare singolarmente o in comunità.

Aggiornamento: 18 marzo ore 15.00

18 marzo 2021, 15:00