Cerca

Vatican News

Olanda, settimana di iniziative per i cristiani perseguitati

Un cristiano su cinque vive in Paesi dove la libertà di fede è una lontana utopia. E' quanto emerge da un rapporto di Aiuto alla Chiesa che Soffre, e in Olanda, la Chiesa si mette in moto per sensibilizzare la popolazione su questo tema

Roberta Barbi - Città del Vaticano

Libertà di fede, una lontana utopia, secondo un rapporto di Aiuto alla Chiesa che Soffre ancora in molte parti del mondo. Partendo da questo grido di allarme la Chiesa olandese ha avviato una settimana di opportunità e di iniziative volte a sensibilizzare la popolazione su queste questioni, come si legge sul sito della Conferenza episcopale locale.

Cristiani, i più perseguitati

Secondo i dati, il 61 per cento della popolazione mondiale vive in Paesi senza una reale libertà religiosa; in 38 Paesi, inoltre, esistono gravi forme di discriminazione o persecuzione religiosa. Anche se l'epidemia di Coronavirus ha cambiato molte cose, i cristiani rimangono la comunità religiosa più perseguitata del mondo. Per attirare l'attenzione su questa dolorosa realtà, le cattedrali, anche le chiese e gli edifici pubblici olandesi sono illuminati di rosso, e vengono proposte anche alcune iniziative on line.

Una settimana di mobilitazione

“La libertà religiosa è un diritto umano. Nessuno dovrebbe essere molestato, discriminato nel lavoro o nella casa, o minacciato di privazione della libertà o addirittura della vita, solo a causa della sua fede”, dice Peter Broeders, direttore di Aiuto alla Chiesa che Soffre - Olanda. La settimana di mobilitazione è stata organizzata per la prima volta nel 2015, con l’obiettivo di attirare l’attenzione soprattutto sulla sorte dei circa 250 milioni di cristiani che, secondo le stime, sono esposti a violente persecuzioni e discriminazioni e a cui viene impedito di professare la propria fede. In Olanda, la segreteria del Aiuto alla Chiesa che Soffre illuminerà l'abbazia di Park Abbey a Lovanio dal 21 al 29 novembre in segno di solidarietà.

20 novembre 2020, 08:00