Cerca

Vatican News

Celebrazioni di Natale. Cei: monitoraggio e collaborazione

Controllo costante della situazione epidemiologica e collaborazione con il governo sono le modalità con cui la Conferenza episcopale italiana (Cei) intende procedere riguardo alle prossime celebrazioni del Natale. Buone notizie sulla salute di monsignor Boccardo: negativo al tampone e polmonite bilaterale interstiziale superata. E' stato dimesso oggi dal Policlinico Gemelli di Roma

Isabella Piro - Città del Vaticano

Rispondendo alle richieste di chiarimento dello stampa, il direttore dell’Ufficio nazionale per le comunicazioni sociali, Vincenzo Corrado ha dichiarato tramite una nota che “La Conferenza Episcopale Italiana avrà modo, nei suoi organismi istituzionali, di monitorare la situazione epidemiologica e confrontarsi sulle modalità di celebrare i riti natalizi in condizioni di sicurezza, nella piena osservanza delle norme, come finora avvenuto”. Si tratta, infatti, di “un segno prezioso di prossimità verso tutto il Popolo di Dio”. Al contempo, conclude Corrado, la Cei desidera “continuare la valida collaborazione, in ascolto reciproco, con la presidenza del Consiglio dei ministri, il Ministero degli Interni e il Comitato tecnico-scientifico”.

Monsignor Boccardo dimesso dal Gemelli

E intanto, buone notizie per monsignor Renato Boccardo, Arcivescovo di Spoleto-Norcia: tampone negativo e polmonite bilaterale interstiziale superata. Ricoverato il 14 novembre presso il Policlinico “Agostino Gemelli” di Roma perché positivo al Covid-19 il presule è stato dimesso oggi e potrà fare ritorno nella residenza episcopale di Spoleto. “Le sue condizioni di salute sono buone”, informa l’Ufficio stampa diocesano. Il presule “dovrà naturalmente osservare un congruo periodo di convalescenza”.

Il grazie a medici e personale sanitario

Da Monsignor Boccardo anche il ringraziamento per “i medici e il personale sanitario che lo hanno assistito e per tutti coloro, innumerevoli, che gli hanno assicurato in queste settimane vicinanza, amicizia e preghiera, facendogli esperimentare l’unità e l’affetto della famiglia diocesana di Spoleto-Norcia”. Infine, l’Arcivescovo “accompagna con il pensiero e l’intercessione quanti - malati, famigliari ed operatori sanitari - stanno affrontando quotidianamente la lotta contro il virus”.

27 novembre 2020, 19:01