Cerca

Vatican News
Sacerdoti Sacerdoti  (Vatican Media)

Accanto ai sacerdoti, missionari del Vangelo

In Italia si celebra la Giornata di sensibilizzazione per il sostentamento del clero, nella solennità di Cristo Re dell’Universo. Un modo per aiutare e provvedere alla missione della Chiesa soprattutto in tempo di pandemia

Benedetta Capelli – Città del Vaticano

In piena emergenza coronavirus, molti sacerdoti hanno di nuovo indossato i camici da dottori, eredità di una vita precedente alla loro chiamata, altri hanno provveduto a sostenere i fedeli smarriti di fronte a tanto dolore, altri ancora hanno bussato alle porte chi aveva bisogno o hanno sostenuto chi vive per strada. Un lavoro prezioso, instancabile, senza orari quello che svolgono i quasi 34mila preti diocesani che ci sono in Italia.

Una domenica di vicinanza

La Giornata di sensibilizzazione per il sostentamento del clero “è una domenica di vicinanza – scrive la Conferenza episcopale italiana - del provvedere alle necessità della Chiesa con una scelta di condivisione: quella di accompagnare e sostenere la missione dei sacerdoti”. Una domenica per offrire quello che si ha anche se la raccolta sarà per tutto il periodo di Natale e per i mesi successivi, accedendo al sito www.insiemeaisacerdoti.it.

Annunciatori di speranza

“Ogni offerta è il segno concreto di questa vicinanza. Raggiunge tutti i sacerdoti, dal più lontano al nostro – spiega il responsabile del Servizio Promozione per il sostegno economico alla Chiesa cattolica, Massimo Monzio Compagnoni-. Tanto più nell’anno difficile del Covid, in cui da mesi i preti diocesani continuano a tenere unite le comunità disperse, incoraggiano i più soli e non smettono di servire il numero crescente di nuovi poveri. Oggi più che mai i nostri sacerdoti sono annunciatori di speranza, ci incoraggiano a vivere affrontando le difficoltà con fede e generosità, rispondendo all’emergenza con la dedizione”.

Le cifre

Da oltre 30 anni, in base alla revisione del Concordato nel 1984, i sacerdoti non ricevono più uno stipendio dallo Stato pertanto è responsabilità di ogni fedele partecipare al loro sostentamento. Secondo i dati della Cei, nel 2019 sono state raccolte 84.699 offerte, per un totale di 7.837.075 euro: una cifra che permette di dare una remunerazione mensile ai quasi 34mila preti di cui 30.664 sono a servizio delle 227 diocesi italiane, tra questi circa 400 sono stati impegnati nelle missioni nei Paesi del Terzo Mondo come fidei donum mentre 2.848, per ragioni di età o di salute, sono in previdenza integrativa.

22 novembre 2020, 08:00