Cerca

Vatican News

Colombia: "Come risorgere dal Covid", l'azione della Chiesa per milioni di persone

È il rapporto presentato dalla Conferenza episcopale colombiana che mostra la realtà vissuta dal Paese durante l’isolamento sociale e i compiti svolti dalla Chiesa cattolica nel tentativo di accompagnare la popolazione colpita dall’emergenza sanitaria

Isabella Piro - Città del Vaticano

“Come risorgere dal Covid: contagiarci di speranza, solidarietà e fraternità” è il titolo del rapporto presentato dalla Conferenza episcopale colombiana, attraverso il Segretariato nazionale della Pastorale sociale/Caritas Colombia (SNPS/CC), e pubblicato sulla pagina web dell’Episcopato.

L'esperienza di questi mesi di pandemia

Secondo quanto vissuto dai diversi uffici della Pastorale sociale nelle giurisdizioni ecclesiastiche, la crisi sanitaria ha messo in luce i problemi socio-economici che il Paese deve affrontare, gli ostacoli di milioni di colombiani, della popolazione migrante, dei rifugiati e dei richiedenti asilo. In questo contesto, il diritto alla salute è diventato un punto chiave dell'agenda pubblica, poiché il governo nazionale, tra le altre cose, ha dovuto rafforzare la capacità di risposta dei centri sanitari, spesso non sufficienti o inesistenti in alcune parti del territorio colombiano.

L'aiuto ai più bisognosi

Alla luce di tutto questo, i ministeri sociali dell'arcidiocesi, delle diocesi, dei vicariati e delle parrocchie, grazie all'accompagnamento del Segretariato Nazionale del Ministero Sociale /Caritas Colombiana, si sono impegnati in azioni che hanno aiutato le persone più indigenti e vulnerabili ad affrontare la crisi e ad evitare un possibile contagio da coronavirus. In collaborazione con il governo, le amministrazioni dipartimentali e locali, le organizzazioni, le fondazioni e le istituzioni, sono stati in grado di fornire vari tipi di assistenza: beni di prima necessità, kit di igiene, sostegno economico, alloggio, sostegno psicosociale e accompagnamento spirituale.

L'appello dei vescovi

L’invito finale, dunque, nel documento, è quello di continuare ad unire le forze e a lavorare tutti insieme per il benessere di coloro che più soffrono le conseguenze di questa crisi sanitaria.

14 novembre 2020, 12:07