Cerca

Vatican News

Vietnam. I 60 anni del Monastero di Nha Trang

Parole di gratitudine da parte del vescovo della città alle religiose per il loro "spirito di servizio alla Chiesa e umiltà". Poi, l’invito a tutti i fedeli alla preghiera affinché "la Chiesa sia in pace e il mondo possa sfuggire presto alla letale pandemia di Covid-19”

Isabella Piro - Città del Vaticano

“Grazie per essere state i ‘parafulmini’ delle sofferenze di ogni persona e per aver implorato per tutti la pace e la beatitudine”: così Monsignor Joseph Vo Duc Minh, vescovo di Nha Trang, in Vietnam, ha espresso gratitudine alle suore del Monastero carmelitano locale che ha celebrato il 60.mo anniversario di fondazione.

Ai piedi del Signore 

Nella Messa celebrata il primo ottobre, in coincidenza con la memoria liturgica della Santa carmelitana Teresa di Lisieux, il presule ha elogiato le religiose per il loro spirito di servizio alla Chiesa e per la loro umiltà che le ha portate a rinunciare “alla famiglia, al potere, alla libertà personale, ai beni materiali, alle proprie ambizioni”, prostrandosi ai piedi al Signore. “Avete poggiato il vostro cuore sul Regno di Dio”, ha sottolineato il vescovo. Di qui, l’invito ai fedeli ad unirsi alle preghiere delle carmelitane, affinché “la Chiesa sia in pace, la nazione possa godere di unità e prosperità e il mondo possa sfuggire presto alla letale pandemia di Covid-19”.

Il legame con Santa Teresa di Lisieux

La storia delle suore carmelitane in Vietnam inizia nel 1861, quando quattro religiose francesi arrivano a Saigon (oggi Ho Chi Minh City) e fondano il primo monastero nel Paese asiatico. Qualche anno più tardi, una delle monache di Saigon – suor Anne del Sacro Cuore – si stabilisce per sette anni nel Carmelo di Lisieux, proprio dove si trova la giovane Thérèse Martin. Nella lettera del 19 marzo 1897 al padre missionario Roulland, scrive infatti la futura Santa e Dottore della Chiesa:

"Forse questo la sorprenderà, e in effetti non è cosa da sogno che una carmelitana desideri partire per il Tonkin? Eppure! No, non è un sogno e io posso assicurarle che se Gesú non viene presto a cercarmi per il Carmelo del Cielo prima o poi partirò per quello di Hanoi, perché adesso c’è un Carmelo in quella città, ossia quello di Saigon, che recentemente ha fondato l’altro".

Dal primo monastero ad oggi

Nel corso dei decenni, vengono istituiti altri monasteri e nel 1960, un gruppo di carmelitane arriva a Nha Trang, su invito del defunto vescovo locale, Monsignor Marcel Piquet Loi. Oggi, la struttura conta 37 membri, ma tutto il Vietnam annovera otto monasteri carmelitani per un totale complessivo di 260 religiose.

03 ottobre 2020, 08:00