Cerca

Vatican News

Polonia: nelle chiese si pregherà per il Paese scosso dalle proteste

In diverse città proseguono le proteste dopo la sentenza della Corte Costituzionale che ha definito incostituzionale l'aborto eugenetico. In molte chiese ai credenti è stato impedito di pregare. Monsignor Artur Miziński, segretario della Conferenza episcopale polacca: “d'ora in poi nelle chiese si reciterà una speciale preghiera”

Amedeo Lomonaco – Città del Vaticano

Non si placano le proteste in Polonia. Presa di mira anche la Chiesa, che ha accolto con soddisfazione la decisione della Corte Costituzionale secondo cui l’aborto eugenetico non è compatibile con la Costituzione. Nonostante le rigide restrizioni per il coronavirus, il Paese è stato teatro di imponenti manifestazioni contro la sentenza dello scorso 22 ottobre. I dimostranti hanno protestato oggi in diverse città ed anche all'interno delle chiese. In seguito alla decisione della Corte costituzionale, le interruzioni di gravidanza saranno consentite solo in caso di stupro, oppure quando è a rischio la vita della donna.

 

Gratitudine dei vescovi al Papa

In questo clima di forte tensione che ha scosso la Polonia, si è svolta oggi la riunione del Consiglio permanente della Conferenza episcopale polacca. I vescovi hanno espresso la loro gratitudine per le parole di Papa Francesco che stamani, dopo la catechesi, ha esortato a pregare affinché venga tutelata la vita di tutti, “specialmente dei più fragili e indifesi”. Il Pontefice ha anche ricordato San Giovanni Paolo II e i suoi appelli “per la tutela di ogni essere umano, dal concepimento fino alla morte naturale”.

La Chiesa sarà sempre dalla parte della vita

Nel comunicato finale, la Conferenza episcopale polacca, sottolineando la necessità di proteggere “le madri e le famiglie che accolgono e crescono bambini malati”, mette in luce “il grande dolore” per l’escalation delle proteste, anche per “il linguaggio volgare usato da alcuni manifestanti”, per “la devastazione di chiese, la profanazione di luoghi sacri o l'impedimento a svolgere in essi la liturgia”. Fatti che vengono definiti “inquietanti”. La richiesta è di avviare un dialogo sociale rispettoso nel quale ognuno possa esprimere la propria opinione “senza l’uso della violenza”. “Facciamo appello a parrocchie, movimenti cattolici e altre organizzazioni ecclesiali affinché intraprendano iniziative concrete per andare incontro a coloro che hanno bisogno e avranno bisogno di tale aiuto, sia individuale che istituzionale. La Chiesa – sottolineano i vescovi - sarà sempre dalla parte della vita e sosterrà iniziative che la proteggano”.

Cercare vie d’uscita

“In questo drammatico momento – scrivono i presuli - chiediamo ai politici e a tutti i partecipanti al dibattito sociale di analizzare a fondo le cause della situazione che si è venuta a creare e a cercare vie d'uscita nello spirito della verità e del bene comune, senza strumentalizzare le questioni della fede e la Chiesa”. Poi il ringraziamento per i sacerdoti, i fedeli laici “che difendono con coraggio le loro chiese” ma anche le forze dell'ordine. “La Chiesa vuole rimanere aperta a tutti, indipendentemente dalla loro appartenenza sociale e politica”. Ricordando il momento difficile del Paese legato al coronavirus, i vescovi fanno appello “alla solidarietà” e al rispetto delle norme anti-Covid, esprimendo la gratitudine a tutto il personale sanitario. Infine l’invito a “digiunare, fare elemosine e pregare per la pace sociale, con le intenzioni di difendere la vita, porre fine alla crisi in corso e allo sviluppo della pandemia”. 

Proteste e preghiere

In molte chiese oggi in Polonia è stato impedito ai credenti di pregare. Ed è stato tolto loro, con la forza, il diritto di professare la fede. È quanto sottolinea a Vatican News monsignor Artur Miziński, segretario generale della Conferenza episcopale polacca, aggiungendo che nelle chiese in Polonia si reciterà una speciale preghiera a Dio per intercessione di Maria e di San Giovanni Paolo II.

Ascolta le dichiarazioni di monsignor Miziński

R. - Oggi si è svolta la riunione del Consiglio permanente della Conferenza Episcopale Polacca. I vescovi esprimono la loro gratitudine per le parole di Papa Francesco che, durante l'odierna udienza generale, ha ricordato ai polacchi gli insegnamenti della Chiesa e che la vita dell’uomo è dal concepimento fino alla morte naturale. Ringraziamo il Santo Padre che ha pronunciato parole molto importanti: “Per intercessione di Maria Santissima e del Santo Pontefice polacco, chiedo a Dio di suscitare nei cuori di tutti il rispetto per la vita dei nostri fratelli, specialmente dei più fragili e indifesi, e di dare forza a coloro che la accolgono e se ne prendono cura, anche quando ciò richiede un amore eroico”. Allo stesso tempo, vorrei far presente che l'arcivescovo Stanisław Gądecki, presidente della Conferenza episcopale polacca, in un comunicato di pochi giorni fa aveva ricordato che la posizione della Chiesa cattolica sul diritto alla vita è immutabile e pubblicamente nota. Ha anche sottolineato ciò che ha scritto San Giovanni Paolo II nell' Evangelium Vitae: “Niente e nessuno può autorizzare l'uccisione di un essere umano innocente, feto o embrione che sia, bambino o adulto, vecchio, ammalato incurabile o agonizzante (...) Nessuna autorità può legittimamente imporlo né permetterlo”.

In Polonia si respira un clima di forte tensione. Ci sono stati anche atti di violenza davanti alle chiese…

R. - A causa degli atti di profanazione nelle chiese che si sono verificati domenica scorsa in Polonia, il presidente dell'Episcopato ha espresso la propria tristezza. In molte chiese inoltre ai credenti è stato impedito oggi di pregare ed è stato tolto con la forza il diritto di professare la propria fede. D'ora in poi, nelle chiese in Polonia si reciterà una speciale preghiera nella quale verranno accolti tristezze e problemi. Una preghiera di affidamento a Dio, per intercessione di Maria e di San Giovanni Paolo II.

28 ottobre 2020, 19:00