Cerca

Vatican News
Crocifisso Crocifisso  

Usa: ennesimo atto vandalico nei confronti dei luoghi di culto

In California la Cattedrale caldea di San Pietro a El Cajon è stata imbrattata e danneggiata. I fedeli pregano per i criminali. I vescovi, già nel luglio scorso di fronte a numerosi episodi simili, avevano rimarcato quanto la società abbia bisogno di "guarigione”

Davide Dionisi - Città del Vaticano

Proseguono gli atti vandalici contro le chiese in California. A farne le spese questa volta è stata la Cattedrale caldea di San Pietro a El Cajon. I vandali hanno imbrattato l’edificio con svastiche e una serie di slogan politici di diversa natura: da “Biden 2020” a “Black Lives Matter”. I vandali hanno capovolto le croci e hanno disegnato graffiti indecifrabili accanto a simboli nazisti e scritte inneggianti al “White Power”.

Preghiamo per i criminali

“Questa mattina la nostra amata Cattedrale è stata oltraggiata” hanno scritto i fedeli della comunità “atti come questi ci ricordano le persecuzioni patite dai nostri fratelli in Iraq. Preghiamo per i criminali che si sono macchiati di questo reato”. La comunità caldea negli Usa è cresciuta sensibilmente negli ultimi anni perché si è registrato un alto numero di persone nel paese che hanno lasciato il Medio Oriente.

Vescovi: una società che ha bisogno di guarigione

In realtà quello della Cattedrale caldea di San Pietro è l’ultimo di una serie di atti vandalici subiti negli ultimi mesi dagli edifici di culto statunitensi. L’ultimo, in ordine di tempo, risale all’inizio della settimana appena trascorsa ed è accaduto in Florida, dove un incendio doloso ha causato gravi danni ad una chiesa, mentre in Texas un uomo con una mazza da baseball ha danneggiato le icone di un Seminario. A luglio scorso i vescovi statunitensi avevano espresso la loro preoccupazione per il ripetersi di incidenti e danneggiamenti contro luoghi e simboli del cattolicesimo. “Segno di una società che ha bisogno di guarigione” evidenziarono in una nota ufficiale Thomas G. Wenski e Paul S. Coakley, presidenti rispettivamente del Comitato episcopale per la libertà religiosa e del Comitato per la giustizia interna e lo sviluppo umano.

28 settembre 2020, 07:30