Cerca

Vatican News
Bambini africani Bambini africani 

RDC: la Caritas impegnata contro il lavoro minorile

In collaborazione con Caritas Norvegia, la Chiesa della Repubblica Democratica del Congo scende in campo per garantire istruzione ai piccoli lavoratori nelle miniere. Tanti i progetti attivi

Tiziana Campisi - CIttà del Vaticano 

Avviato dalla Caritas la scorsa settimana, nella diocesi di Wamba, nel nord-est della Repubblica Democratica del Congo, il programma di accesso all’istruzione per i giovani e per la lotta al lavoro minorile nelle miniere di Mwenga e Wamba. Il progetto è stato realizzato in collaborazione con Caritas Norvegia e finanziato dall’Organizzazione norvegese per i giovani. Monsignor Justin Amboko, vicario generale della diocesi, presente al lancio del progetto, il 29 luglio, ha rimarcato che è lo Stato a dover garantire l’istruzione e che il nuovo progetto rafforza il dovere publico in materia di educazione, mentre la Caritas funge da strumento tecnico e specifico nella cura pastorale che spetta al vescovo, al servizio dell'evangelizzazione e della promozione umana integrale. “La Caritas Wamba ci ha appena dato una nuova prospettiva di vita volgendo lo sguardo alle miniere - ha aggiunto monsignor Amboko - in modo che i bambini e i giovani che vi lavorano beneficino dell'istruzione”. Il programma avrà la durata di quattro anni e il vicario generale di Wamba ha esortato alla sensibilizzazione perché possa essere coinvolto un ampio numero di giovani di età compresa fra i 12 e i 19 anni.

A servizio della popolazione

Sempre la Caritas, nei giorni scorsi, ha distribuito, a Bukombo, nel territorio di Rutshuru, kit per l’igiene e beni di prima necessità. Nell’area ripetuti scontri tra gruppi armati ed esercito governativo provocano massicci spostamenti delle popolazioni e la Caritas Goma si sta impegnando per offrire aiuti e per censire le famiglie beneficiarie. Quelle registrate fino ad ora sono 1.500. Nella zona di Bukombo, oltre alla precarietà di quanti vivono disagi a causa dei conflitti in corso, c’è anche da affrontare la malnutrizione, la mancanza di acqua potabile, l’impraticabilità delle strade, che rendono la vita difficile.

03 agosto 2020, 13:24