Cerca

Vatican News
 Arcivescovo Moses Costa of Chittagong Arcivescovo Moses Costa of Chittagong 

Il cordoglio della Chiesa in Bangladesh per la morte di monsignor Moses Costa

E’ scomparso stamani a Dacca l'arcivescovo di Chittagong, un mese fa era stato ricoverato per Covid-19

VATICAN NEWS

Monsignor Moses M. Costa, l’arcivescovo di Chittagong, è morto questa mattina all’età di 70 anni allo Square Hospitals di Dacca, in Bangladesh. La notizia è stata diffusa dal presidente dei vescovi del Bangladesh, il cardinale Patrick D’Rozario con un messaggio nel quale si parla di “grande tristezza e senso della perdita” specificando che le ragioni della morte sono stati “una serie di ictus causati da emorragia cerebrale” e si conferma la probabilità che questa patologia sia conseguente all’infezione da coronavirus. Benché i test fossero tutti negativi, la sua situazione era peggiorata nelle ultime 48 ore.

Fra i primi ad esprimere le condoglianze, vi è stata suor Prema, superiora generale delle Missionarie della Carità: “Sono molto addolorata - ha detto - nel sapere che sia morto. Monsignor Costa era molto buono verso le Missionarie della Carità che lavorano nella sua arcidiocesi a Chittagong”. Non si sa ancora quale sarà la data dei funerali e oggi vengono celebrate messe di suffragio.

Francesco in Bangladesh (2017): le parole dell'arcivescovo Costa

Ordinato sacerdote nel 1981, consacrato vescovo nel 1996, nel 2011 diventa vescovo di Chittagong e nel 2017 Papa Francesco lo nomina arcivescovo della diocesi metropolitana di Chittagong. Monsignor Costa era segretario della Conferenza episcopale del Bangladesh e responsabile della pastorale giovanile. Il Movimento degli studenti cattolici ha diffuso un messaggio di condoglianze in cui si sottolinea che “la famiglia dei cattolici del Bangladesh perde uno dei suoi più importanti custodi. Egli è stato un attivo sostenitore delle attività giovanili lungo tutta la vita, Il Movimento prega perché la sua anima riposi nell’eterna pace”.

13 luglio 2020, 20:01