Cerca

Vatican News
La Grotta delle Apparizioni a Lourdes La Grotta delle Apparizioni a Lourdes 

L’Oftal riparte ad agosto con i pellegrinaggi a Lourdes

Con la riapertura delle frontiere bloccate dalla pandemia, l’Opera fondata ai primi del Novecento per il trasporto degli ammalati sui luoghi di Bernadette riprende i viaggi verso il Santuario francese

Alessandro De Carolis – Città del Vaticano

La prima ripartenza fu dopo il secondo conflitto mondiale. Allora era il 1947 e in un’Europa che ritrovava le strade della normalità, anche della vita di fede, l’Oftal (Opera Federativa Trasporto Ammalati a Lourdes) fu la prima organizzazione a portare nuovamente gli ammalati, accompagnati dalle sue dame e i dai suoi barellieri, davanti alla Grotta di Massabielle.

Le date dei pellegrinaggi 2020

Settantatré anni più tardi quella storica settimana dal 14 al 17 agosto, sarà di nuovo l’Oftal a ripartire per prima dopo la “guerra” combattuta, e ancora in corso, negli ospedali del mondo contro il coronavirus. E la singolarità è che, analogamente alla ripresa postbellica, anche le date del pellegrinaggio post-lockdown saranno identiche a quelle del ‘47, cui seguiranno tre altri appuntamenti nei mesi di settembre, ottobre e dicembre.

“Ripartiamo col nostro apostolato”

“Con gioia e grande attesa ripartiamo con la nostra opera di apostolato, preghiera e assistenza ai malati, in particolare ai più poveri e indigenti. È una grazia che attendevamo da tanto tempo e che ora si concretizza”, scrive in un comunicato monsignor Paolo Angelino, presidente generale dell’Associazione fondata negli anni trenta del Novecento da monsignor Alessandro Rastelli e che ogni anno accompagna oltre 20 mila persone tra ammalati, volontari, pellegrini e sacerdoti lungo le rotte dei più grandi Santuari mariani.

Preghiera al tempo del Covid

Quello delle apparizioni dell’Immacolata a Bernadette, osserva monsignor Angelino, “è per molti un luogo insostituibile per la vita e il cammino quotidiano”, si legge nel comunicato. “Sono giornate attese e cariche di speranza e amore. Lo sono tutto l’anno e tutti gli anni. Lo sono ancora di più in questo 2020 che ha visto al centro la sofferenza e il dolore causato dalla tremenda esperienza coronavirus. Ai piedi della Vergine – conclude – porteremo tutto questo carico di sofferenze e pregheremo per quanti ci hanno lasciato”.

17 giugno 2020, 18:02