Cerca

Vatican News

La festa di San Timoteo, discepolo di Paolo

Alla Messa a Casa Santa Marta, Francesco ha voluto ricordare un importante anniversario legato alla figura del santo, di cui oggi si celebra la festa del ritrovamento del corpo. Lo scorso gennaio il pellegrinaggio a Roma e in Vaticano

Andrea De Angelis e Gabriella Ceraso - Città del Vaticano

Francesco ha presieduto la Messa a Casa Santa Marta nel lunedì della quinta settimana di Pasqua. Le prime parole del Pontefice sono andate al ricordo del 75.mo anniversario del ritrovamento del corpo di San Timoteo nella cripta della Cattedrale di Termoli, durante i lavori di restauro nel 1945: “Ci uniamo ai fedeli di Termoli – ha detto Francesco - nella festa dell'Invenzione (ritrovamento) del corpo di San Timoteo, oggi”. Una solennità, questa dell'11 maggio, che la diocesi si appresta a vivere in una condizione particolare.

La carezza del Papa che è arrivata inaspettata

Una grande sorpresa e tanta gratitudine, così monsignor Gianfranco De Luca commenta il pensiero del Papa e la sua "carezza" che lo ha raggiunto insieme a tutta la comunità, mentre questa mattina seguiva la Messa a Casa Santa Marta. Nelle sue parole anche la bellezza della figura di questo santo, che - dice il vescovo di Termoli Larino -  ci "impegna nella fraternità". Lui, il destinatario delle Lettere di san Paolo: in quesgli scritti così ricchi - dice monsignor De Luca - c'è tutto il deposito della nostra fede, la tradizione cristiana viva che Timoteo ancora oggi ci insegna a far rifiorire".

Ascolta l'intervista a monsignor De Luca

 

Il vivo ricordo del pellegrinaggio 

Sono trascorsi solo tre mesi e mezzo dal pellegrinaggio vissuto come un momento di grande festa dalla diocesi di Termoli-Larino. Lo scorso 17 gennaio il corpo di San Timoteo è stato condotto infatti alla Basilica di san Paolo fuori le Mura, presso la tomba di San Paolo e domenica 26 gennaio l’urna contenente il suo corpo è giunta nella Basilica di san Pietro, dove il Papa ha presieduto la santa Messa nella ricorrenza della prima Domenica della Parola di Dio. Oggi - giorno della solennità di San Timoteo - la diocesi celebra la festa in un clima decisamente diverso, senza la partecipazione dei fedeli, ma nel ricordo di quei giorni così significativi.

L'invito ai fedeli

“Ravviviamo quanto abbiamo vissuto, incontrato e ricevuto in dono”. Sulla portale della parrocchia di San Timoteo a Termoli l'invito ai fedeli a vivere questo giorno di festa ripensando anche allo scorso gennaio. Il corpo del santo è stato condotto inizialmente presso la tomba di San Paolo, che lo definì “suo figlio diletto e fedele nel Signore”. Poi in Vaticano, con Francesco che ha sostato presso l’urna del santo in preghiera silenziosa, dopo averla incensata. Oggi, in rispetto alle misure di sicurezza legate all'emergenza sanitaria in corso, il programma della solennità del compatrono di Termoli e dell'intera diocesi non prevede momenti aperti alla partecipazione dei fedeli.

Il programma odierno

Alle 18 di oggi, lunedì 11 maggio il vescovo, monsignor Gianfranco De Luca, presiederà nella chiesa di San Timoteo una celebrazione eucaristica senza concorso di lui. Concelebreranno il parroco, don Benito Giorgetta, ed altri sacerdoti. Dopo la funzione religiosa, seguirà una processione con le sacre reliquie del santo lungo le mura perimetrali della chiesa. Quindi la benedizione del vescovo alla città ed alla comunità diocesana. Sarà possibile partecipare a tutti questi momenti di preghiera in diretta streaming sulla pagina web della diocesi.

La figura del santo

Timoteo nasce a Listra, circa 200 km a nord-ovest di Tarso, da madre giudea e padre pagano. Quando Paolo passa per quelle terre all’inizio del secondo viaggio missionario, sceglie Timoteo come compagno poiché “egli era assai stimato dai fratelli di Listra e di Iconio” (At16,2), ma lo fa circoncidere “per riguardo ai Giudei che si trovavano in quelle regioni” (At16,3). Con l’Apostolo delle Genti, Timoteo attraversa l’Asia Minore e raggiunge la Macedonia. Accompagna poi Paolo ad Atene e di lì viene inviato a Tessalonica. Quindi, prosegue per Corinto e collabora all’evangelizzazione della città sull’istmo. La figura di Timoteo campeggia come quella di un pastore di grande rilievo. Secondo la posteriore Storia ecclesiastica di Eusebio, Timoteo fu il primo Vescovo di Efeso. Alcune sue reliquie si trovano dal 1239 in Italia. L'11 maggio del 1945 vennero ritrovate nella Cattedrale di Termoli, durante i lavori di restauro della cripta, in un loculo coperto da una lapide di marmo. Ribaltata la lapide, sul suo lato inferiore c’era scritto in latino: “Nel nome di Cristo. Amen. Nell’anno del Signore 1239. Qui riposa il corpo del Beato Timoteo discepolo del beato Apostolo, nascosto dal venerabile Vescovo Stefano…”.

11 maggio 2020, 10:40