Cerca

Vatican News

Covid19. I sacrifici del clero filippino per aiutare i più poveri

Il blocco nazionale imposto dal governo per arginare la diffusione della pandemia di coronavirus ha avuto effetti dirompenti anche sulle finanze della Chiesa. La chiusura dei luoghi di culto - ha riferito l' amministratore dell'arcidiocesi di Manila - ha determinato un calo delle offerte dei fedeli, incidendo drasticamente sulle finanze delle parrocchie

Anna Poce - Città del Vaticano

Da quando il virus ha iniziato a diffondersi nella comunità e le Messe pubbliche sono state cancellate, le parrocchie hanno cominciato ad aiutarsi a vicenda. “Chi ha risorse - ha fatto sapere il vescovo Broderick Pabillo, amministratore dell'arcidiocesi di Manila - aiuta chi non ne ha abbastanza". Ma la paura riguarda il futuro e cioè, fino a quando potranno andare avanti senza ricevere i contributi dei parrocchiani, dovendo sostenere il proprio personale e dando da mangiare ai poveri della zona.

I sacrifici di vescovi e clero per i più poveri

Anche la diocesi di Balanga, colpita dalla pandemia, non ha smesso di continuare ad aiutare i bisognosi. Il vescovo Ruperto Santos e il clero locale hanno donato le loro indennità mensili per aiutare a sostenere gli stipendi del personale. La stessa diocesi, inoltre, ha rinunciato per due mesi a riscuotere gli affitti dei propri immobili.

Il dovere di dare il propdio contributo

Il vescovo Gerardo Alminaza, di fronte alla diminuzione delle entrate, al bisogno di tante opere di carità e volendo evitare il licenziamento dei dipendenti "per non aggravare il problema della disoccupazione nella popolazione”, ha invitato le parrocchie della diocesi di San Carlos a ridurre al minimo le spese. "Se necessario - ha detto il vescovo Alminaza - riorganizzeremo o riprogrammeremo il nostro personale per affrontare nuovi lavori a cui la recente situazione ci chiama". Il Consiglio dei Laici delle Filippine, Laiko ha fatto appello ai cattolici, affinché continuino a dare il loro contributo, in quanto "dovere importante e fondamentale" di tutti i membri della Chiesa.

19 maggio 2020, 18:28