Cerca

Vatican News

Boom di iscritti alle conferenze online dell'Ambrosiana

I cartoni di Raffaello, l'anatomia di Leonardo, gli antichi codici della Veneranda Biblioteca. L'Ambrosiana organizza un ciclo di conferenze online. Ed è subito tutto esaurito. Si parte domani. Gli organizzatori pensano ad un potenziamento dell'offerta

Paolo Ondarza - Città del Vaticano

Un ciclo di visite online gratuite per portare i capolavori dell’Ambrosiana nelle case degli amanti della cultura in questi tempi di quarantena. A partire da domani, 16 aprile alle 15.30, la Veneranda Biblioteca di Milano propone una serie di eventi sul web.

Il Cartone di Raffaello e l'anatomia di Leonardo

Si comincia con una conferenza sul meraviglioso cartone di Raffaello per la scuola d’Atene, l’affresco dipinto nelle Stanze in Vaticano. Il relatore è monsignor Alberto Rocca, direttore della Pinacoteca Ambrosiana, che illustrerà in trenta minuti il fascino di un capolavoro recentemente al centro di un importante restauro, durato quattro anni, che ha riportato in luce l'originaria bellezza dell'opera grafica. E’ già boom di iscrizioni: i partecipanti possono seguire le visite in gruppi di massimo 25 membri per volta, attraverso la piattaforma gratuita Cisco Webex,  prenotandosi tramite email all’indirizzo contatti@ambrosiana.it Il calendario degli appuntamenti viene diffuso tramite mailing list e attraverso i canali social: in agenda il 21 aprile c’è già l’incontro con Paola Salvi,  docente presso l’Accademia di Belle Arti di Brera, che si concentrerà sul tema de  “L' anatomia dal Medioevo a Leonardo”;  il 23 aprile monsignor Rocca svolgerà invece la seconda parte della conferenza sul Cartone di Raffaello. Paola Salvi tornerà anche il 28 aprile con un focus su “Leonardo da Vinci e l’anatomia”; Il 30 aprile inoltre il direttore della Biblioteca Ambrosiana, monsignor Federico Gallo, illustrerà il Virgilio Ambrosiano.

Il Cartone di Raffaello con la Scuola di Atene
Il Cartone di Raffaello con la Scuola di Atene

Nessuno escluso

“L’’alto gradimento di pubblico registrato è un dato che ci fa molto piacere”, spiega a Vatican News Carolina Donzelli, referente delle iniziative online dell’Ambrosiana. “Stiamo valutando se organizzare più turni di conferenze in modo tale da non lasciare fuori nessuno; sentiamo l’esigenza di contribuire a portare la nostra arte e cultura nelle case in questo momento difficile, sperando che tutto ciò si traduca, ad emergenza finita, in un rinnovato interesse per la nostra istituzione. Vogliamo essere presenti e raggiungere un pubblico differenziato attraverso attività diverse come le clip su instagram o le attività ludiche rivolte ai più piccoli. Grande successo ha raccolto ad esempio la caccia all’uovo di Pasquetta pensata per i bambini: un modo per avvicinarli ai nostri capolavori”.

Il canale Instagram dell'Ambrosiana
Il canale Instagram dell'Ambrosiana

La mediateca online

Dallo scorso 1 aprile, a seguito dell’emergenza legata al coronavirus, l’Ambrosiana ha creato una nuova sezione all’interno del suo sito internet, denominata “Mediateca”. In questo spazio vengono caricati di volta in volta tutti i video e contenuti realizzati in questo periodo con l’obbiettivo di stare vicino a chi è a casa in un momento tanto difficile. “Le tecnologie digitali – prosegue Carolina Donzelli – ci consentono di rendere fruibile un patrimonio raramente consultabile dal vivo, come i nostri manoscritti a cui per motivi conservativi solitamente non si può accedere. Il riscontro del pubblico è molto positivo, la nostra pagina instagram sta crescendo notevolmente e ogni giorno riceviamo parole di ringraziamento. Ci riempie il cuore sapere che nel nostro piccolo, stiamo dando il nostro contributo in questo momento difficile”.

Ascolta l'intervista a Carolina Donzelli:
15 aprile 2020, 11:19