Cerca

Vatican News
Padre Joseph Hollanders ucciso in Sudafrica Padre Joseph Hollanders ucciso in Sudafrica  

In Sud Africa ucciso un missionario belga

La vittima è padre Jozef (Jef) Hollanders, ucciso nella provincia nord-occidentale del Paese africano. Non si esclude sia stato vittima di un tentativo di rapina. Un uomo di 23 anni è stato individuato e arrestato dalla polizia

La notizia è data dall'Agenzia Fides e riguarda gli oblati di Maria Immacolata in Sudafrica. Padre Jozef (Jef) Hollanders è stato ucciso nella notte di domenica 12 gennaio, nella parrocchia della città di Bodibe, vicino a Mahikeng, nella provincia nord-occidentale del Paese. “Il suo corpo è stato scoperto - secondo quanto riferito dall'Agenzia - lunedì pomeriggio da un parrocchiano". Le indagini non escludono che padre Hollanders sia stato vittima di un tentativo di rapina, nel corso del quale è stato colto da un infarto o è stato strangolato. Il dolore dei confratelli è grande: “Siamo profondamente colpiti da quello che è successo". Il religioso è stato trovato legato mani e piedi e con una corda intorno al collo.

Una vita per la missione

"Una morte terribile per qualcuno che ha dedicato tutta la sua vita alla sua missione ", afferma padre Daniël Coryn, superiore provinciale dei missionari oblati di Maria (Omi). Secondo monsignor Victor Phalana, vescovo di Klerksdorp, i rapinatori erano male informati: “Tutti sanno che non aveva soldi. Ha servito una comunità povera. Ha usato ogni centesimo che abbia mai posseduto per il suo popolo. Ha dato via tutto quello che aveva”. Padre Hollanders era "pieno di entusiasmo, vita e dedizione" e parlava fluentemente afrikaans e tswana, una lingua bantu parlata in Sudafrica e Botswana. "Faceva parte della vita delle persone".

Dal Belgio all'Africa

Padre Hollanders era nato in Belgio il 4 marzo 1937. Ha emesso i primi voti, come oblato, l'8 settembre 1958 ed è stato ordinato sacerdote il 26 dicembre 1963. È arrivato in Sudafrica il 31 gennaio 1965. “Per 55 anni - si legge in un comunicato degli oblati di Maria Immacolata in Sudafrica - è stato un missionario nell'area di lingua Tswana, ora provincia del nord ovest del Sudafrica”. “Gli piaceva creare nuove comunità cristiane, che sono diventate parrocchie o stazioni parrocchiali in quella che è diventata la diocesi di Klerksdorp”. “Ci è stato ricordato che Gesù è morto per mano di altri e abbiamo immaginato che anche padre Jef avrebbe detto: Perdonali, perché non sanno quello che fanno" . Il funerale si terrà mercoledì 22 gennaio, alle ore 10, nella cattedrale di Klerksdorp. 

16 gennaio 2020, 16:05