Vatican News
Bernard Preynat Bernard Preynat  

Francia: il processo all'ex sacerdote Preynat accusato di abusi su minori

A Lione è iniziato un processo a lungo atteso, quello all'ex sacerdote e cappellano scout della diocesi di Lione, Bernard Preynat, accusato di decine di abusi su minori, abusi che lui stesso ha riconosciuto e per le quali è stato destituito dallo stato clericale lo scorso luglio da un tribunale ecclesiastico. La prima udienza, iniziata questa mattina, era stata rinviata ieri di un giorno a causa dello sciopero degli avvocati

Bernard Preynat, 74 anni, dovrebbe comparire davanti al tribunale penale di Lione questa mattina. Saranno presenti anche 15 parti civili, tra cui 10 vittime, tra le decine di altri elencati dal sistema giudiziario, che si troveranno così a doversi confrontare, dopo tanti anni, con la parola del loro aggressore. Un uomo dalla personalità tormentata, prete carismatico da un lato, formidabile predatore dall’altro, intriso di un sentimento di onnipotenza, che ha saputo imporre un silenzio distruttivo alle sue vittime, tutti giovani ragazzi al momento dei fatti. Rischia 10 anni di carcere e una multa di 150.000 euro.

Secondo il quotidiano La Croix, nel corso della prima udienza Bernard Preynat ha riconosciuto pienamente le azioni per le quali è sotto processo: "Ho effettivamente riconosciuto gli atti di cui sono accusato. Non mi rendevo conto della gravità dei miei atti, sapevo che erano proibiti e condannabili, ma non pensavo affatto alle conseguenze di questi atti sulle vittime (...) Mi ci è voluto un po' di tempo per capire che era moralmente sbagliato e condannabile", ha spiegato.

Da parte delle vittime, François Devaux, co-fondatore dell'associazione "La Parole libérée", ha parlato del difficile periodo che ha attraversato dopo aver lasciato gli Scout, un periodo segnato da un forte contrasto ai suoi genitori e da un tentativo di suicidio di cui non aveva mai parlato.  "Il momento che sto vivendo è il più difficile che abbia mai vissuto. Quello che stiamo facendo qui, per me, è una

Responsabilità della gerarchia ecclesiastica

La Croix riferisce che al processo la diocesi di Lione è rappresentata dal suo vescovo ausiliare, Mons. Emmanuel Gobilliard, che si è seduto dalla parte delle vittime. Uno dei temi centrali di questo processo è sapere come questo ex sacerdote, di cui si conoscevano comunque le tendenze pedofile, abbia potuto continuare ad agire impunemente in parrocchia, a contatto con i giovani. La questione della responsabilità della gerarchia ecclesiastica sarà quindi al centro di questo processo, dopo essere stata al centro di quello del cardinale Philippe Barbarin. Nel marzo 2019, l'arcivescovo di Lione, oggi in ritiro dal governo della sua diocesi, è stato condannato a sei mesi di reclusione con la condizionale per non averlo denunciato i fatti. La decisione d'appello che lo riguarda è prevista per il 30 gennaio.

L’ammissione dei fatti

L'anno scorso, nel luglio scorso, Bernard Preynat è stato "giudicato colpevole di aver commesso reati sessuali contro minori di 16 anni" da un tribunale ecclesiastico. "Alla luce dei fatti e del loro ripetersi, del gran numero di vittime, del fatto che padre Bernard Preynat ha abusato dell'autorità conferitagli dalla sua posizione all'interno del gruppo scout da lui fondato e guidato fin dalla sua creazione, assumendo la doppia responsabilità di capo e cappellano, il tribunale ha deciso di applicare la massima pena prevista dalla legge della Chiesa in un caso del genere, cioè la destituzione dallo stato clericale", si legge in una dichiarazione rilasciata al termine di questo processo penale. Il tribunale sta attualmente esaminando le richieste di risarcimento finanziario presentate da una ventina di vittime.

Una diocesi scossa

Il caso Preynat ha profondamente sconvolto la diocesi di Lione, che fin dalla scoperta della dolorosa vicenda,ha avviato un'opera di indagine e di prevenzione. Desiderosa di schierarsi con le vittime e di agire concretamente, la diocesi ha lanciato lo scorso ottobre un sito web, "Agir ensemble contre les abus" (Agire insieme contro gli abusi), che presenta una serie di 12 interviste filmate con diverse persone: vittime, psichiatri, agenti di polizia, magistrati, giornalisti, teologi e pastori. Questi video sono stati visti da tutti i vescovi francesi, riuniti in Assemblea plenaria lo scorso novembre, un incontro durante il quale l'episcopato francese ha ribadito il desiderio di "rinnovare la vicinanza alle vittime di abusi sessuali".

14 gennaio 2020, 12:54