Cerca

Vatican News
Un incontro tra Papa Francesco e don Julian Carron Un incontro tra Papa Francesco e don Julian Carron  (Vatican Media)

Don Julián Carrón: la vita dei giovani è sacra

Il presidente di Comunione e Liberazione presenta, attraverso una lettera, il nuovo Regolamento varato dalla Fraternità sulla tutela dei minori. E' disponibile sul sito internet del movimento ed è la risposta ad una precisa richiesta del Dicastero per i laici, la famiglia e la vita, a tutte le associazioni e le realtà eccelesiali che nelle loro attività hanno contatto con i giovani

Adriana Masotti - Città del Vaticano

E’ un vero e proprio cambiamento d’epoca, come ha segnalato più volte Papa Francesco, quello che stiamo vivendo e un segno ne è il “mutamento radicale nei rapporti fra le persone, nella società, nelle istituzioni” che è sotto gli occhi di tutti. Parte da questa costatazione la lettera, intitolata "Per una maggiore consapevolezza della realtà", che don Julián Carrón ha indirizzato alla Fraternità di Comunione e Liberazione, con la date del 2 gennaio, sulla tutela dei minori e delle persone vulnerabili. Questo cambiamento, si legge, “è per noi una grande provocazione a non dare nulla per scontato”. Ogni giorno ci dobbiamo domandare “qual è la nostra speranza”, ciò che dà senso e coraggio alla nostra vita. Don Carrón parla di “un salto di autocoscienza” a cui i membri della Fraternità sono chiamati.

La terribile ferita degli abusi

E in quest’epoca, costata il presidente di CL, è emerso con forza come mai prima, “il dramma degli abusi sui minori, che ha purtroppo coinvolto persone anche nell’ambito della Chiesa”. Cita quindi alcune espressioni in cui Papa Francesco, in continuità con Benedetto XVI, “ha preso il problema ‘di petto’, chiedendo a tutta la realtà della Chiesa di non voltare la faccia dall’altra parte davanti a questa terribile ferita”. Anzi, la richiesta è di attuare una profonda conversione testimoniata da azioni concrete perché tali fenomeni non avvengano più. Su sollecitazione del Dicastero per i laici, la famiglia e la vita, che ha chiesto a tutte le associazioni e i movimenti di stendere un proprio regolamento, “come aiuto ad affrontare questo tema con più consapevolezza”, in questi mesi, si legge nella lettera, abbiamo lavorato “nel tentativo di adempiere alle indicazioni ricevute a partire dall’originalità dell’esperienza del carisma che ci è stato donato”.

Nel Regolamento le indicazioni di comportamento

Il Regolamento che ne è uscito, informa don Carrón, “è adesso disponibile nelle varie lingue sul sito internet del Movimento insieme alle indicazioni circa la composizione, i compiti e le modalità di contatto della Commissione a cui ci si potrà rivolgere per eventuali segnalazioni o richieste di aiuto”. L’approfondimento della propria autocoscienza, sostiene il sacerdote, ci fa comprendere meglio “il richiamo di don Giussani alla verginità come dimensione da vivere nei rapporti con tutte le persone, anche in famiglia e nelle amicizie” e che scaturisce dal rapporto profondo con Cristo che riempie il cuore e la vita. “Ciò a cui siamo chiamati anche davanti a questa sfida – scrive don Carrón - è, dunque, a una sempre più grande familiarità con Cristo, a un approfondimento della fede, di cui la libertà e la gratuità nei rapporti sono la verifica”.

La vita dei giovani è sacra

L’invito con cui si conclude la lettera è al sostegno reciproco perché non venga meno nella Fraternità “la passione di comunicare Cristo, facendo risplendere la Sua bellezza davanti a tanti giovani che sono alla ricerca. (…) Rispettando la loro vita, che è sacra, possa ciascuno di noi - augura infine - diventare tramite dell’incontro con Cristo”.  

L'impegno dei Movimenti per la tutela dei minori

Un lavoro analogo a quello compiuto da CL, per delineare strumenti nuovi di formazione per adulti e giovani volti alla prevenzione di casi di abuso, ha visto coinvolte in questi mesi altre realtà associative ecclesiali. Ricordiamo ad esempio la lettera che la presidente del Movimento dei Focolari, Maria Voce, scrisse a tutti i componenti della famiglia dei Focolari per sollecitare una maggiore presa di coscienza sul fenomeno e per far partecipi tutti della disposizione, nel giugno scorso, di nuove Linee Guida interne per la promozione del benessere dell’infanzia e dell’adolescenza, utili per l’orientamento delle comunità dei Focolari presenti nei vari Paesi del mondo.

03 gennaio 2020, 13:43