Cerca

Vatican News
Ordinazioni sacerdotali Ordinazioni sacerdotali  (Vatican Media )

Il celibato sacerdotale secondo il Concilio

Il Decreto conciliare Presbyterorum Ordinis parla del "dono prezioso del celibato sacerdotale”, ma afferma anche che non è richiesto “dalla natura stessa del sacerdozio” e ha parole di stima per quanti sono "eccellenti presbiteri coniugati”

VATICAN NEWS

Le anticipazioni del libro del cardinale Robert Sarah, prefetto della Congregazione per il Culto divino con un contributo del Papa emerito Benedetto XVI (aggiornamento dopo la dichiarazione del prefetto della Casa Pontificia, Georg Gänswein), in difesa del celibato sacerdotale, hanno suscitato numerosi commenti. Ieri il direttore della Sala Stampa vaticana, Matteo Bruni, ha affermato che la posizione di Papa Francesco sul celibato è nota, ricordando quanto da lui detto in aereo al ritorno da Panama: “Mi viene alla mente una frase di San Paolo VI: ‘Preferisco dare la vita prima di cambiare la legge del celibato’”.

Un dono, non un dogma

Nel dibattito è stata ricordata anche la posizione del Concilio Vaticano II al riguardo. Il Decreto conciliare Presbyterorum Ordinis sul ministero e la vita sacerdotale, promulgato da San Paolo VI il 7 dicembre 1965, afferma: “La perfetta e perpetua continenza per il regno dei cieli (...) è sempre stata considerata dalla Chiesa come particolarmente confacente alla vita sacerdotale. Essa è infatti segno e allo stesso tempo stimolo della carità pastorale, nonché fonte speciale di fecondità spirituale nel mondo. Essa non è certamente richiesta dalla natura stessa del sacerdozio, come risulta evidente se si pensa alla prassi della Chiesa primitiva e alla tradizione delle Chiese orientali, nelle quali, oltre a coloro che assieme a tutti i vescovi scelgono con l'aiuto della grazia il celibato, vi sono anche degli eccellenti presbiteri coniugati: per questo il nostro sacro Sinodo, nel raccomandare il celibato ecclesiastico, non intende tuttavia mutare quella disciplina diversa che è legittimamente in vigore nelle Chiese orientali, anzi esorta amorevolmente tutti coloro che hanno ricevuto il presbiterato quando erano nello stato matrimoniale a perseverare nella santa vocazione, continuando a dedicare pienamente e con generosità la propria vita per il gregge loro affidato”.

Più liberi di servire Dio e gli altri

Il celibato - osserva il Decreto - “ha per molte ragioni un rapporto di convenienza con il sacerdozio. Infatti la missione sacerdotale è tutta dedicata al servizio della nuova umanità che Cristo, vincitore della morte suscita nel mondo con il suo Spirito”. Grazie al celibato, i presbiteri aderiscono a Dio più facilmente “con un cuore non diviso” e “si dedicano più liberamente in lui e per lui al servizio di Dio e degli uomini, servono con maggiore efficacia il suo regno e la sua opera di rigenerazione soprannaturale, e in tal modo si dispongono meglio a ricevere una più ampia paternità in Cristo”. “In questo modo, pertanto, essi proclamano di fronte agli uomini di volersi dedicare esclusivamente alla missione di fidanzare i cristiani con lo sposo unico”, che è Cristo, e “diventano segno vivente di quel mondo futuro, presente già attraverso la fede e la carità, nel quale i figli della risurrezione non si uniscono in matrimonio”.

Una legislazione confermata per la Chiesa latina

“Per questi motivi” - prosegue il Decreto conciliare – “il celibato, che prima veniva raccomandato ai sacerdoti, in seguito è stato imposto per legge nella Chiesa latina a tutti coloro che si avviano a ricevere gli ordini sacri. Questo sacro Sinodo torna ad approvare e confermare tale legislazione per quanto riguarda coloro che sono destinati al presbiterato”.

La grazia della fedeltà 

Il Concilio “esorta inoltre tutti i presbiteri, i quali hanno liberamente abbracciato il sacro celibato seguendo l'esempio di Cristo e confidando nella grazia di Dio, ad aderirvi generosamente e cordialmente e a perseverare fedelmente in questo stato, sapendo apprezzare il dono meraviglioso che il Padre ha loro concesso e che il Signore ha così esplicitamente esaltato e avendo anche presenti i grandi misteri che in esso sono rappresentati e realizzati. E al mondo di oggi, quanto più la perfetta continenza viene considerata impossibile da tante persone, con tanta maggiore umiltà e perseveranza debbono i presbiteri implorare assieme alla Chiesa la grazia della fedeltà che mai è negata a chi la chiede. Ricorrano allo stesso tempo ai mezzi soprannaturali e naturali che sono a disposizione di tutti. E soprattutto non trascurino quelle norme ascetiche che sono garantite dalla esperienza della Chiesa e che nelle circostanze odierne non sono meno necessarie”.

Avere a cuore il dono del celibato

Il Decreto conclude così il capitolo dedicato al celibato: “Questo sacro Sinodo prega perciò i sacerdoti -  e non solo essi, ma anche tutti i fedeli - di avere a cuore il dono prezioso del celibato sacerdotale, e di supplicare tutti Iddio affinché lo conceda sempre abbondantemente alla sua Chiesa”.

14 gennaio 2020, 07:00