Cerca

Vatican News
I giovani dell'Azione Cattolica in Piazza San Pietro nel 2018 I giovani dell'Azione Cattolica in Piazza San Pietro nel 2018  (Vatican Media)

Il grido di pace dell’Azione Cattolica a Roma: domani la carovana dei giovani

Saranno tremila i bambini e i ragazzi che parteciperanno alla 41 esima edizione della manifestazione. L’obiettivo è riscoprire una città più accogliente e vicina alle persone

Michele Raviart – Città del Vaticano

“Roma grida pace!” Questo lo slogan della 41 esima “Carovana della pace” organizzata dall’Azione Cattolica per domani 26 gennaio. Una manifestazione alla quale parteciperanno circa 3000 bambini e ragazzi dai 4 ai 14 anni, accompagnati da genitori ed educatori. Dopo una Messa nella chiesa di Santa Maria in Vallicella, presieduta da monsignor Paolo Selvadagi, vescovo ausiliare per il settore ovest della diocesi di Roma, i ragazzi partiranno da Castel Sant’Angelo per raggiungere Piazza San Pietro dove, all’Angelus, due di loro leggeranno un messaggio al Papa.

Abitare il cuore della città

L’edizione di quest’anno, giunta al termine di un mese di riflessione sulla pace, si allinea con il percorso pastorale della diocesi di Roma che chiede ai fedeli di farsi testimoni contro ogni violenza e sopraffazione e di “abitare con il cuore la città”. Quest'anno il tema generale, spiega Chiara Di Ianni, responsabile diocesana di Azione Cattolica, “è proprio quello dell'apertura dell'orecchio del cuore al grido della città e alle realtà che ci sono vicine”. “In questo mese - prosegue - i ragazzi hanno fatto un percorso di riscoperta della nostra città, dei loro territori più prossimi e si stanno impegnando a vivere delle esperienze di impegno sociale e di supporto alla città e alle persone loro vicine, ovviamente a misura di bambino e di ragazzo”.

Ascolta l'intervista integrale a Chiara di Ianni, responsabile di Azione Cattolica a Roma

Per i 50 anni dell’Azione cattolica a Roma

Ogni parrocchia di Roma ha scelto, ad esempio, un territorio del proprio quartiere per riqualificarlo e metterlo di nuovo a disposizione della città. Le riflessioni dei ragazzi sul futuro di Roma, della stessa Azione Cattolica e sulla società civile saranno poi portate, insieme a delle simboliche candeline, in Piazza S.Pietro al termine della manifestazione. A partire da questi “desideri”, sarà poi redatto un testo che sarà messo in appendice al Documento Assembleare dell’Azione Cattolica di Roma, che quest’anno compie 50 anni.

Iniziative umanitarie in Pakistan e Kenya

Due, poi, le iniziative internazionali legate alla manifestazione che saranno realizzate con i fondi raccolti in tutte le diocesi di Italia. Una in Pakistan, dove tramite la Bhatti Onlus sarà possibile donare delle pecore al villaggio di Khushpur, nel Punjab, e permettere agli abitanti di avviare delle attività di allevamento. L’altra invece in Kenya, dove grazie all’associazione “Africa chiama” saranno aiutati i ragazzi in difficoltà nella circoscrizione di Roysambu, con attività di tipo ludico, educativo, sportivo e sanitario.

Una Carovana ecologica

L’edizione di quest’anno sarà anche più ecosostenibile, venendo incontro alla “conversione ecologica” più volte chiesta dal Papa. L’impatto ambientale della Carovana sarà quindi il minore possibile. “Abbiamo cercato di adottare tante piccole accortezze - spiega ancora Chiara Di Ianni - riducendo l'enorme numero di stampe e di fogli che usiamo in genere per queste iniziative. Abbiamo abolito la plastica quanto più possibile e anche i nostri palloncini che negli ultimi anni abbiamo lanciato sia dalla piazza che poi dallo studio del Santo Padre: abbiamo cercato di essere ecologici anche in questo quindi abbiamo scelto di lanciare palloncini naturali biodegradabili”. 

25 gennaio 2020, 13:00