Cerca

Vatican News
Il Papa in visita alla cattedrale greco cattolica ucraina di Santa Sofia a Roma nel 2018 Il Papa in visita alla cattedrale greco cattolica ucraina di Santa Sofia a Roma nel 2018  (AFP or licensors)

Al via a Roma il Sinodo della Chiesa Greco Cattolica ucraina

Si è aperto questa mattina a Roma il Sinodo delle Chiesa Greco Cattolica ucraina sul tema “Comunione nella vita e nella testimonianza della Chiesa Greco Cattolica Ucraina". L'evento si tiene per il 50.mo anniversario dell’inaugurazione della basilica minore di Santa Sofia

Partecipano al Sinodo tutti i vescovi della Chiesa Greco Cattolica ucraina nel mondo (circa 50): si incontreranno anche con il Papa - che ha salutato all'Angelus domenicale i pellegrini ucraini giunti per l'occasione - e con i rappresentanti della Curia. Il Sinodo della Chiesa Greco Cattolica si celebra anche nel 90esmo anniversario del primo degli incontri dei vescovi greco-cattolici, iniziati proprio a Roma dal metropolita Andriy Sheptysky nel 1929. Ma Roma è anche il luogo in cui ripresero le riunioni sinodali della Chiesa Greco Cattolica Ucraina dopo il Concilio Vaticano II, nel 1981, su volontà di San Giovanni Paolo II. L’ultima riunione a Roma si è tenuta venticinque anni fa.

Punti salienti del programma sinodale

Durante il Sinodo, ci sarà anche un pellegrinaggio verso Santa Sofia, la “cattedrale” greco cattolica di Roma, voluta dal cardinale Josip Slipyi, che fu costruita sul modello della Santa Sofia di Kiev. A guidare questa matina la Divina Liturgia dell’inaugurazione del Sinodo, l'arcivescovo maggiore Shevchuk. Il 5 settembre, invece, ci sarà un’altra Divina Liturgia, sempre presieduta dall’arcivescovo maggiore, nella Basilica di Santa Maria Maggiore, e sarà dedicata al 150.mo anniversario dalla nascita e 100.mo anniversario della morte della beata Josaphata Hodarshevcka, primo membro e cofondatrice delle Servitrici di Maria Immacolata, che fu beatificata da San Giovanni II nel 2001 a Lviv, da dove proveniva.
 

01 settembre 2019, 13:45