Cerca

Vatican News

Crisi Usa-Iran. Card. Sako: la gente ha paura, il futuro è incerto

Le crescenti tensioni tra Iran e Stati Uniti possono destabilizzare l’intero Medio Oriente. È quanto sottolinea il patriarca dei caldei, cardinale Luois Sako, aggiungendo che anche in Iraq si respira un clima di paura

Amedeo Lomonaco – Città del Vaticano

Sono sempre più inquietanti le ombre che si addensano sulla regione mediorientale e, in particolare, sui Paesi del Golfo. Come ricordato anche ieri a New York dall’osservatore permanente della Santa Sede presso l'Onu, mons. Bernardito Auza, è necessario trovare soluzioni pacifiche. Lo scenario si è aggravato dopo il ritiro unilaterale degli Stati Uniti dall’accordo sul nucleare con Teheran. In questi giorni si sono registrati, nelle acque del Golfo, gravi episodi tra cui l’abbattimento di un drone statunitense e una serie di attacchi ad alcune petroliere attribuiti ai pasdaran, le guardie della rivoluzione iraniana. L’amministrazione americana ha reagito cominciando ad ammassare forze militari e inasprendo il blocco economico contro Teheran.

Card. Sako: non sappiamo cosa succederà

A Vatican News il cardinale Luois Sako sottolinea che se la situazione degenererà in un conflitto, sarà un disastro per tutto il Medio Oriente:

Ascolta l'intervista al cardinale Sako

R. – Siamo molto preoccupati, non sappiamo cosa succederà. La gente ha paura, non c’è un futuro sicuro. Nelle guerre ci sono sempre interessi ma questi Paesi devono risolvere i problemi con il dialogo, non con le armi. Alcuni atti sono inaccettabili, per esempio quanto successo alla nave britannica e gli episodi dei droni caduti… C’è una vera tensione e in tutta la regione questo potrà essere un disastro. Quando si comincia una guerra, non si può sapere come finirà.

Quale è il suo appello alle amministrazioni di Washington e Teheran?

R. – Ho lanciato un appello che abbiamo lasciato alle due ambasciate qui a Baghdad: bisogna promuovere il dialogo, con la guerra tutti perdono. Ma non c’è ascolto e ognuno pensa a sé stesso. Noi soffriamo per la distruzione del Paese, per i tanti morti! Perché queste guerre assurde?

L’Iraq, intanto, è in attesa di un evento eccezionale: lo scorso mese di giugno Papa Francesco ha annunciato la volontà di recarsi proprio in questo Paese…

R. – Penso che, in questo contesto, una visita sia incerta, vista l'attuale situazione di tensione nella regione. Tutti gli iracheni aspettano questa visita, sia cristiani sia musulmani. E noi abbiamo bisogno di questa presenza del Santo Padre, del suo incoraggiamento, ma non vedo come e quando sarà possibile.

Il popolo iracheno ha bisogno di incoraggiamentoela Chiesa è vicina al popolo. Dal primo al tre luglio si è svolto in Iraq il meeting dei partner della Caritas irachena. Quali sfide sono emerse?

R. – La Chiesa è al servizio della gente. Come al tempo di Gesù, noi aiutiamo tutti: musulmani, cristiani, senza distinzioni. E siamo anche nelle città sunnite e sciite. Questa è una testimonianza di carità. Bisogna cambiare la mentalità, questa cultura settaria e improntata alla violenza. Bisogna essere realisti, rispettare la vita, il pluralismo e la diversità delle religioni, delle etnie. Bisogna anche rispettare la natura. E invece non si preoccupano della natura, degli alberi, delle foreste, dell’acqua. Dove sono i soldi? La gente a Bassora ha bisogno di acqua...

L’Iraq, nei libri di storia, è ricordato come il Paese dei due fiumi: il Tigri e l’Eufrate. Ma il deserto avanza e c’è, come ha ricordato, una grave emergenza, legata alla siccità, nella regione meridionale di Bassora…

R. – Sì, è una situazione di emergenza. In passato, tutti sognavano di venire in Iraq perché c’era l’acqua, l’agricoltura funzionava, c’era la civilizzazione. Oggi, invece, l’Iraq ha perso quasi tutto. Non c'è l‘industria, tutto viene da fuori e l’unica fonte di ricchezza è il petrolio. Ma questo non può coprire tutti i bisogni della gente. Poi la corruzione è quasi totale ed è dappertutto.

24 luglio 2019, 12:49